CulturaEventi

Color4action, oltre 50 street artists da tutto il mondo uniti contro il Covid-19

Condividi

Street artists da tutto il mondo uniti da Yourban2030 per raccogliere fondi da destinare a strutture mediche e enti no profit impegnati ad affrontare le emergenze post-Covid. Prestigioso partner di progetto è la Dorothy Circus Gallery.

Italia, Spagna, USA, Perù, Australia, Inghilterra, Brasile, India: dopo aver dato vita a una serie di murales per raccontare l’emergenza globale, una nuova mobilitazione internazionale contro il coronavirus arriva dagli street artists di tutto il mondo, uniti da Yourban2030 – no profit fondata in Italia da Veronica De Angelis e ora approdata negli USA con Frank Ferrante della Ferrante Law Firm – che lancia la campagna artistica COLOR4ACTION.

Prestigioso partner di progetto è la Dorothy Circus Gallery, un’istituzione nel mondo dell’arte contemporanea pop/surrealista, impegnata sin dalla sua nascita nella valorizzazione e nella promozione della street art: Ron English, Miss Van, Millo, Seth e SANER sono solo alcuni dei nomi che sono riusciti a far esporre, e che hanno donato alcuni dei più bei muri di street art che si possono trovare in Italia.

Street art al tempo del coronavirus, tutte le opere più belle FOTO

Obiettivo? Raccogliere fondi da destinare non solo alle strutture mediche, ma anche a tutti quegli enti no profit impegnati ad affrontare le emergenze post-Covid, a sostegno delle fasce più vulnerabili della popolazione, segnalate dagli stessi street artists coinvolti: come la Ong “Word save World” proposta dall’artista Max Papeschi e altri artisti brasiliani impegnata a distribuire kit di emergenza con alimenti e generi di prima necessità all’interno della favelas Cidade de Deus di Rio De Janero; la Ong Nashulai in supporto al popolo Masai in Kenya segnalata dall’artista londinese Louis Masai; la Scuola Bronx Arts Ensemble proposta dall’artista Gio Ro Mo; gli Ospedali Sacco di Milano e San Gavino Monreale in Sardegna segnalati dagli artisti italiani Iena Cruz e Giorgio Casu residenti a New York.

Coronavirus, la sfida dei social: replicare opere d’arte utilizzando gli oggetti in casa

COLOR4ACTION è la prima mobilitazione su scala internazionale che porta l’arte di strada nelle case delle persone costrette in quarantena, mettendo a disposizione 40 disegni di grandi artisti da colorare, un modo per mettersi in gioco, per rilassarsi e scoprirsi abili coloristi. Le opere in bianco e nero sono scaricabili sul SITO previo versamento libero a una delle strutture inserite nella lista e una volta colorati potranno essere spediti alla mail send@yourban2030.org ed essere selezionati dagli artisti stessi per entrare a far parte del primo Colouring Book mondiale della Street Art, un libro unico nel suo genere che testimonierà come l’arte possa curare lo spirito e dar vita a dei percorsi di solidarietà internazionale.

Coronavirus, la nuova opera di Tvboy dedicata ai “nostri angeli guardiani”

In un momento storico in cui siamo chiamati a restare a casa per arginare la diffusione del virus – ha dichiarato la presidente di Yourban2030, Veronica De Angelis – abbiamo riflettuto sul potere terapeutico del colore e abbiamo voluto regalare uno strumento semplice che aiutasse le persone ad allontanarsi dalle tensioni quotidiane, a guidare la mente attraverso universi pieni di fantasia e favorire momenti di riflessione, meditazione e connessione con il nostro io più profondo. Il tema della salute e dell’accesso alle cure per tutti è in questo momento prioritario e richiede un forte impegno collettivo, perché fare comunità e creare percorsi di solidarietà è l’unico modo in cui noi possiamo dare il nostro contributo a questa emergenza sanitaria globale”.

Il Covid-19 ha profondamente segnato le vite di tutti e ci stiamo affacciando ad un’emergenza senza precedenti, per la quale non eravamo totalmente preparati” ha spiegato Alexandra Mazzanti, direttrice e curatrice della Dorothy Circus Gallery. Questa situazione mi ha portato ad una lunga riflessione riguardo a cosa potessi fare per aiutare: quando Veronica ed il team di Yourban2030 vennero da me per propormi una partnership nella campagna Color4Action, ho sentito di avere finalmente la chance di poter fare qualcosa di concreto per aiutare chi ne ha più bisogno. Gli ospedali e le ONG che riceveranno le donazioni saranno in grado di affrontare l’emergenza nel migliore dei modi possibili, e le persone che decideranno di partecipare trarranno beneficio spirituale dal loro aiuto, nonché poter creare delle meravigliose opere d’arte assieme ai loro street artists preferiti. Credo fermamente che questo sia ciò di cui c’era bisogno: l’arte e la gentilezza salveranno il mondo

Banksy, “Mia moglie odia quando lavoro da casa” e svela la sua ultima opera

Negli Stati Uniti si sente molto il bisogno di azioni come queste, internazionali, creative, etiche e solidali – ha dichiarato Frank Ferrante della Ferrante Law Firm  – auspicando delle iniziative sostenibili e green attraverso l’Arte”.

Hanno già aderito:

Ahoy, Amlrumdame, Anahu, Andrea Wan, Athalia Lewartowski, Bankeri, Cab Nov, Carlos Atoche, Damien Mitchell, Danielle Mastrion, David Pompili, Diamond, Dulk, Eddie Colla, Ellena Lourens, Fabio Petani, Gio Ro Mo, Gomez, Heberth Sobral, Hugo Salazar Chuquimango, I am eelco, Idro51, Iena Cruz, Ironmould, Jason Naylor, Jade Rivera, Jeremy Novy, Jorghe, Keya Tama, Krayon, Louis Masai, Lucangelo, Maupal, Max Papeschi, Memi Guilherme, Messy Desk, Mike Makatron, Miki Mu, Mosa One, Mrkas, Nielesh, Quinho, Okuda, Omer, Ozmo, Pantonio, Piskv, Saicus, Saner, Solo, Tal Shetach,  Vanesa Longchamp, Violetta Carpino, Waone.

Lucas Aoki
Louis Masai
Miki Mu (Michela Muserra)

La lista degli artisti è in continuo aggiornamento e Yourban2030 vuole fare uno speciale ringraziamento a tutti coloro che in varie parti del mondo stanno contribuendo a rendere questa campagna internazionale e partecipata: Sara Di Gangi, Tal Holander, Fabrizio del Prete, Manuela Parrino.

(Visited 56 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago