AnimaliAttualità

Festa della Mamma, adotta una Tartaruga marina con Tartalove

Condividi

Tartaruga. In occasione della Festa della Mamma, il prossimo 10 maggio 2020, torna la Campagna Tartalove di Legambiente.

Con un nuovo spot, ideato e realizzato dall’agenzia Ogilvy, la Campagna intende dare voce alle migliaia di tartarughe della specie Caretta caretta che nel mar Mediterraneo rischiano l’estinzione a causa dell’attività umane.

“In vista della Festa della Mamma – dichiara il Coordinatore della Campagna Tartalove, Stefano Di Marco invitiamo i figli di qualunque età a regalare un’adozione. Un gesto d’amore nei confronti di chi ci ha dato la vita e della natura troppo spesso maltrattata dall’essere umano, che però oltre ad essere il problema può rappresentare anche la soluzione”.

Animali, migliaia di fenicotteri dipingono di rosa le acque di una Mumbai in quarantena VIDEO

Solo in Italia sono più di 10mila gli esemplari ogni anno muoiono a causa di catture dopo essere rimaste impigliate nelle reti da pesca o catturate dagli ami utilizzati per la pesca al pescespada.

A queste si aggiungono quelle che sono vittime del traffico nautico e dell’inquinamento e dalla plastica che molto spesso viene ingerita da questi animali provocandone il soffocamento.

Ma le minacce non finiscono qui.

A terra mamma tartaruga deve sudare “sette camicie” per riuscire a deporre le proprie uova in santa pace senza essere disturbata da rumori molesti e da luci accecanti che la allontanano. Una volta deposte le uova in una buca scavata faticosamente nella sabbia c’è sempre il rischio di un ombrellone che distrugge la nidiata.

Equilibrio uomo-natura, ecco da dove ripartire. La foto simbolo

Insomma per i tartarughini nascere è una vera e propria corsa a ostacoli. Basti pensare che solo 1 su 1000 nate riesce ad arrivare all’età riproduttiva.

Grazie al lavoro di biologi e veterinari affiancati da volontari, Legambiente ogni anno recupera e cura centinaia di tartarughe marine che dopo essere ospitate nei propri Centri di Recupero vengono restituite alla libertà.

Gli operatori dell’associazione sono anche impegnati nel controllo delle spiagge per l’individuazione dei nidi e la loro messa in sicurezza.

Anche in questo periodo di lockdown le attività dei volontari non si sono fermate perché purtroppo è stato necessario prestare soccorso e cure a tartarughe catturate accidentalmente o rimaste spiaggiate e con l’inizio della stagione di nidificazione (che inizia verso la fine di maggio) sarà avviato il monitoraggio delle spiagge per individuare e proteggere adeguatamente i nidi.

Coronavirus, lo stop all’ecoturismo rischia di vanificare gli sforzi per la protezione degli habitat

Lo spot ha l’obiettivo di sensibilizzare il grande pubblico sulla necessità di proteggere questi bellissimi animali invitando gli “umani” ad entrare in azione per aiutare con un piccolo gesto la salvaguardia di questa specie.

Sul sito della campagna www.tartalove.it è possibile adottare simbolicamente una tartaruga con un piccolo contributo a fronte del quale si riceverà un certificato con la foto dell’animale adottato.

(Visited 57 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago