EventiRiciclo e Riuso

Tokyo 2020, le medaglie olimpiche realizzate da 6milioni di smartphone riciclati

Condividi

Dai rifiuti elettronici arrivano le medaglie olimpiche d Tokyo 2020: un progetto lanciato nell’aprile 2017 grazie al quale sono stati recuperati circa 6,2 milioni di smartphone non utilizzati.

Per le Olimpiadi Tokyo 2020 un’edizione che sarà la più ecosostenibile mai realizzata. DalIe emissioni zero ai materiali riciclati, dalla promozione della diversità alla mobilità verde, la strategia di Tokyo 2020 punta a ospitare Olimpiadi sostenibili, inclusive e innovative come mai prima d’ora.

Sostenibilità, la sfida di Tokyo 2020, un’Olimpiade tutta green

Le stesse medaglie olimpiche sono state fuse a partire da materiali riciclati raccolti in Giappone negli anni passati: si tratta di metalli ricavati dal mondo dell’elettronica, circa 6,2 milioni di smartphone, da quasi 80 tonnellate di piccoli dispositivi elettrici come vecchi telefoni e laptop, da cui sono stati ottenuti 32Kg di oro, 3500 Kg di argento e 2200 Kg di bronzo.

“La campagna ha invitato il pubblico a donare dispositivi elettronici obsoleti per il progetto“, ha dichiarato il portavoce di Toyko 2020 Hitomi Kamizawa. “Siamo grati per la collaborazione di tutti“.

Il progetto ha sfruttato il fatto che miliardi di metalli preziosi come oro e argento, utilizzati nei dispositivi elettronici, vengono scartati ogni anno a livello globale. In due anni in Giappone si è raccolto abbastanza materiale riciclato per produrre circa 5.000 medaglie di bronzo, argento e oro per le Olimpiadi di Tokyo del 2020. Fino al 90% delle città, paesi e villaggi giapponesi ha partecipato creando siti di raccolta delle donazioni dove centinaia di migliaia di cittadini giapponesi hanno donato i loro vecchi dispositivi elettronici.

Sebbene sforzi di riciclaggio come questi spesso sembrino semplici, il progetto della medaglia ha dovuto coinvolgere il governo nazionale, migliaia di comuni, aziende, scuole e altre comunità locali. Una delle principali società coinvolte è stata Renet Japan Group la cui filosofia aziendale ruota attorno alla sostenibilità.

Olimpiadi, non solo coronavirus: Tokyo 2020 a rischio disastri naturali

Abbiamo sviluppato un movimento di gestione dei rifiuti per il progetto della medaglia con la collaborazione di molte parti interessate, dal governo giapponese alle comunità locali”, ha dichiarato Toshio Kamakura, direttore del Renet Japan Group.

Quando il progetto è stato lanciato nell’aprile 2017, c’erano solo circa 600 comuni a bordo. Alla fine del progetto, nel marzo 2019, tale cifra era salita a oltre 1.600.

La raccolta dei dispositivi usati è stato solo il primo passo. Dopo un processo di smantellamento, estrazione e raffinazione da parte di appaltatori, il materiale riciclato è stato poi modellato nel concetto di design di Junichi Kawnishi, un design che ha battuto altri 400 partecipanti in un concorso indetto da Tokyo 2020.

I giapponesi saranno i primi ad avere tutte le medaglie olimpiche realizzate con materiale riciclato ma ai Giochi Olimpici di Rio 2016, il 30% dell’argento per realizzare le medaglie era stato ottenuto da materiali riciclati come parti di automobili e superfici di specchi.

Guardando ai Giochi di Parigi del 2024, dove il cambiamento sociale e il miglioramento dell’ambiente sono tra i temi principali, ci sono speranze che il Tokyo 2020 Medal Project crei un precedente.

Un record di 53,6 milioni di tonnellate (Mt), o 7,3 chilogrammi per persona di rifiuti elettronici – equivalenti a 350 navi da crociera delle dimensioni della Queen Mary 2 – è stato prodotto a livello globale nel 2019, rendendolo il flusso di rifiuti domestici in più rapida crescita al mondo, secondo le Nazioni Unite. I rifiuti elettronici sono aumentati di oltre un quinto negli ultimi cinque anni a causa della crescente domanda di gadget elettronici, per lo più con cicli di vita brevi e poche opzioni di riparazione. Meno di un quinto dei rottami finisce per essere adeguatamente raccolto e riciclato, ponendo seri rischi per l’ambiente e la salute.

(Visited 320 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago