Riciclo e RifiutiSportTerritorio

OLIMPIADI TOKYO, MEDAGLIE FATTE CON SMARTPHONE RICICLATI

Condividi

Olimpiadi Tokyo. In occasione delle Olimpiadi e Paraolimpiadi che si terranno nel 2020 a Tokyo, le medaglie in oro, argento e bronzo verranno realizzate con materiale riciclato. Per questo i cittadini e le aziende sono stati chiamati a partecipare alla raccolta di rifiuti elettronici.

Tokyo è sulla buona strada per riuscire a realizzare tutte le medaglie delle Olimpiadi e Paralimpiadi 2020 con oro, argento e bronzo (lega di rame e stagno) estratti da smartphone, fotocamere e altri dispositivi elettronici. Il Comitato organizzatore dei Giochi ha fatto sapere che stima di completare la raccolta dei materiali entro il 31 marzo prossimo.

Il “Tokyo 2020 Medal Project” lanciato dal Giappone nel 2017 punta a realizzare 5.000 medaglie d’oro, argento e bronzo con metalli riciclati. Per questo i cittadini e le aziende sono stati chiamati a partecipare alla raccolta di rifiuti elettronici. Fino a ottobre sono state messe insieme 47.500 tonnellate di rifiuti elettronici, tra cui 5 milioni di telefonini raccolti dall’operatore mobile giapponese Ntt Docomo nei suoi punti vendita sparsi nel Paese.

COREPLA E RICICLO PLASTICA, LE BUONE IDEE PREMIATE A ECOMONDO 2018

Il bronzo necessario, pari a 2.700 kg, è stato finito di raccogliere a giugno. Per l’oro si è arrivati al 93,7% del totale, pari a 28,4 kg su 30,3 kg, mentre per l’argento si è all’85,4%, pari a 3.500 kg su 4.100 kg.

RIFIUTI ELETTRICI ED ELETTRONICI, NUOVE NORME PER RIDURRE EMISSIONI C02

Fonte Ansa

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago