AnimaliAttualità

SIGILLI COLDIRETTI A TUTELA DELLA BIODIVERSITA’

Condividi

Coldiretti.  Sono 311 tra prodotti e razze animali censiti e salvati dai “Sigilli” di Campagna Amica.

Si tratta della più grande mappa della biodiversità contadina Made in Italy, presentata dalla Coldiretti durante l’inaugurazione del Villaggio contadino nella Capitale.

Tre giorni dove scoprire cibi, piante ed animali salvati dall’estinzione.

Grazie alla mappa, si è potuto scoprire che in Italia, solo nell’ultimo secolo, sono scomparse dalla tavola 3 varietà di frutta su 4 per effetto dei moderni sistemi della distribuzione commerciale che privilegiano le grandi quantità e la standardizzazione dell’offerta.

Si contavano infatti, circa 8 mila varietà di frutta, mentre oggi si arriva a poco meno di 2 mila, di cui 1.500 a rischio scomparsa.

Una perdita di biodiversità che riguarda l’intero sistema agricolo: dagli ortaggi ai cereali, dagli ulivi fino ai vigneti.

Per il presidente di Coldiretti, Roberto Moncalvo, si tratta di “un pericolo per produttori e consumatori, ma anche un attacco alla sovranità alimentare del Paese”.

Secondo lo studio della Coldiretti, sono 369 gli ‘agricoltori custodi‘ della biodiversità made in Italy, di cui il 25% sotto i 40 anni; aziende che producono per il 20% con il metodo biologico e il 5% impegnate in attività di agricoltura sociale.

Dei 311 prodotti censiti: il 16% sono frutti,

il 44% tra ortaggi, legumi e cereali,

il 30% razze animali,

il 3% mieli e prodotti spontanei

il 7% trasformati di olivi e vitigni.

(Visited 50 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago