BiodiversitàBreaking NewsTerritorio

Biodiversità, allarme frutta. In Italia sono scomparse 3 varietà su 4

Condividi

Biodiversità. Nell’ultimo secolo sono scomparse dalle tavole italiane tre varietà di frutta su quattro.

Una perdita che non riguarda solo la frutta ma l’intero sistema agricolo e di allevamento con il rischio di estinzione che si estende dalle piante coltivate agli animali allevati.

In Italia nel secolo scorso – spiega una nota di Coldiretti – si contavano 8.000 varietà di frutta, mentre oggi si arriva a poco meno di 2.000.

Mare, nasce ‘Wwf Sub’ per difendere e conservare la biodiversità marina

Di queste ben 1.500 sono considerate a rischio di scomparsa anche per effetto dei moderni sistemi della distribuzione commerciale che privilegiano le grandi quantità e  la standardizzazione dell’offerta.

Biodiversità, in 50 anni l’uomo ha distrutto l’83% delle specie

Biodiversità, in Alto Adige monitoraggio delle specie in 320 siti

L’organizzazione agricola spiega poi come “l’omologazione e la standardizzazione delle produzioni a livello internazionale” stiano mettendo a rischio anche gli antichi semi della tradizione italiana “sapientemente custoditi per anni da generazioni di agricoltori”.

Frutta e verdura di stagione, Luglio. Cosa mettere nel carrello della spesa

Si tratta, spiega Coldiretti, di “un pericolo per i produttori ed i consumatori per la perdita di un patrimonio alimentare, culturale ed ambientale del made in Italy, ma anche un attacco alla sovranità alimentare e alla biodiversità”.

Biodiversità, INGV aderisce alla Campagna #ProteggileEolie

Biodiversità, allarme Onu: 1 milione di specie verso estinzione per colpa dell’uomo

Proprio per questo che l’agricoltura italiana – conclude Coldiretti – ha invertito la rotta negli ultimi anni ed è diventato il Paese più green d’Europa ed è l’unico al mondo con:

  • 5155 prodotti alimentari tradizionali censiti,
  • 297 specialità Dop/Igp riconosciute a livello comunitario
  • 415 vini Doc/Docg,
  • leader in Europa con quasi 60 mila aziende agricole biologiche
  • divieto di coltivazioni Ogm a tutela della biodiversità

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago