Salute

Pesticidi in fragole e spinaci: tutta la classifica della “sporca dozzina”

Condividi

Torna la classifica la “sporca dozzina “dell’EWG che analizza i livelli di residui di pesticidi di frutta e verdura. Sul podio fragole, spinaci e cavolo. Il pesticida più rilevato è il DCPA classificato dall’EPA come possibile cancerogeno per l’uomo.

Per il diciassettesimo anno consecutivo, l’EWG ha classificato i livelli di residui di pesticidi di frutta e verdura sulla base di campioni prelevati dal Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti e dalla Food and Drug Administration degli Stati Uniti.  Nella Dirty Dozen (sporca dozzina) di quest’anno in cima alla classifica ci sono per il secondo anno le fragole. Anche i peperoncini sono inclusi nell’elenco di quest’anno al 10 °posto.

Mix di pesticidi aumenta il rischio di tumore al seno, studio francese dimostra il nesso

Quasi il 70% dei prodotti freschi non biologici venduti negli Stati Uniti contiene residui di pesticidi chimici potenzialmente dannosi. Imazalil, un fungicida in grado di modificare i livelli ormonali, classificato dall’Environmental Protection Agency come probabile cancerogeno per l’uomo, è stato rilevato su quasi il 90% dei campioni di agrumi testati da EWG nel 2020 e oltre il 95% dei campioni di mandarino testati dall’USDA in 2019.

Tutta la classifica della SPORCA DOZZINA DI EWG PER IL 2021:

  1. Fragole
  2. Spinaci
  3. Cavolo, cime di rape
  4. Nettarine
  5. Mele
  6. Uva
  7. Ciliegie
  8. Pesche
  9. Pere
  10.  Peperoni e peperoncini piccanti
  11. Sedano
  12. Pomodori

Nei test più recenti dell’USDA, il pesticida più frequentemente rilevato nel cavolo – come nel caso del cavolo nero – è il DCPA, venduto con il marchio Dacthal. L’EPA classifica il DCPA come un possibile cancerogeno per l’uomo e nel 2009 l’Unione Europea lo ha bandito. Altri pesticidi problematici sui verdi includono i neonicotinoidi e i piretroidi potenzialmente neurotossici.

Come negli anni passati, i peperoni contengono ancora livelli preoccupanti di acefato e clorpirifos, insetticidi organofosfati che possono danneggiare il cervello in via di sviluppo dei bambini e ne è vietato l’uso su alcune colture negli Stati Uniti e interamente nell’UE. Nel 2017, sotto l’amministrazione Trump, l’EPA ha respinto una proposta di divieto del clorpirifos, consentendogli di rimanere sul mercato e negli alimenti.

Chianti, fino a 9 pesticidi in un calice di vino. Il nuovo test del Salvagente

Che siano biologici o convenzionalmente coltivati, frutta e verdura sono componenti fondamentali di una dieta sana. Tuttavia, molte colture contengono pesticidi potenzialmente dannosi, anche dopo il lavaggio, il peeling o lo strofinamento, cosa che l’USDA fa prima di testare ogni articolo. Poiché la contaminazione da pesticidi varia a seconda del raccolto, è importante capire quali articoli sono più o meno contaminati. Inoltre, gli articoli freschi più contaminati, come spinaci, fragole e altra frutta e verdura Dirty Dozen, hanno ancora alti livelli di pesticidi nelle loro forme congelate.

È anche importante notare che l’USDA non verifica tutti i pesticidi utilizzati nella produzione agricola. Livelli elevati di glifosato possono essere trovati in diversi cereali e fagioli, come avena e ceci, a causa del suo crescente utilizzo come agente essiccante pre-raccolta. In particolare, l’USDA ha raccolto centinaia di campioni di avena e ceci nel 2019 e il glifosato, o Roundup, il pesticida più utilizzato negli Stati Uniti, è noto per essere utilizzato su queste colture. Ma l’USDA non li ha analizzati per il glifosato.

Alto Adige, parchi giochi contaminati da pesticidi. Il nuovo studio

46 elementi inclusi nell’analisi sono stati contaminati con più pesticidi rispetto ad altre colture (le classifiche si basano non solo sulla percentuale di campioni con pesticidi ma anche sul numero e la quantità di pesticidi su tutti i campioni e sui singoli campioni). 15 di questi articoli avevano invece quantità più basse di residui di pesticidi. Avocado e mais dolce sono risultati i più puliti:

Avocado
Mais dolce
ananas
Cipolle
Papaia
Piselli dolci (surgelati)
Melanzana
Asparago
Broccoli
Cavolo
kiwi
Cavolfiore
Funghi
Melone verde
Meloni

 

(Visited 506 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago