InquinamentoSalute

Mix di pesticidi aumenta il rischio di tumore al seno, studio francese dimostra il nesso

Condividi

Uno studio francese coordinato dall’Università Sorbona Parigi Nord, ha dimostrato che alcuni mix di pesticidi possono aumentare il rischio di tumore al seno nelle donne in post-menopausa.

Nello studio pubblicato sull’International Journal of Epidemiology, gli studiosi spiegano che al giorno d’oggi in Europa alcuni pesticidi – usati in grande quantità – in agricoltura sono sospettati di essere deleteri sulla salute riproduttiva umana.

Chianti, fino a 9 pesticidi in un calice di vino. Il nuovo test del Salvagente

Fino ad oggi, spiegano ancora i ricercatori francesi, il collegamento tra pesticidi e cancro al seno, è  stato poco studiato.

Nel corso della ricerca, iniziata nel 2014 e che ha coinvolto 13.149 donne in post-menopausa, gli studiosi hanno misurato l’esposizione a 25 sostanze che compongono alcuni pesticidi.

Al via il progetto “Tumore al seno e rientro al lavoro”

Il mix di clorpifos, imazalil, malatione e tiabenzadolo (quattro pesticidi sintetici) hanno causato un aumento del rischio di cancro al seno in post-menopausa nelle donne in sovrappeso od obese.

Alto Adige, parchi giochi contaminati da pesticidi. Il nuovo studio

Il clorpirifos viene usato nelle colture di agrumi, frumento o spinaci; l’imazalil, oltre che per gli agrumi, viene usato per le coltivazioni di patate e semi.

Il malatione in agricoltura è utilizzato per combattere insetti come afidi e cocciniglie, mentre il tiabendazolo viene usato su mais e patate.

(Visited 32 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago