Il SalvagenteSalute

Chianti, fino a 9 pesticidi in un calice di vino. Il nuovo test del Salvagente

Condividi

Il Chianti, il rosso italiano più famoso al mondo, messo alla prova nel test del nuovo numero di questo mese della rivista Il Salvagente: un’analisi fatta a 14 big su residui di fitofarmaci e anidride solforosa. Sono stati trovati fino a 9 pesticidi nella stessa bottiglia. 

È senza dubbio il vino rosso italiano più famoso nel mondo. Il Chianti può vantare infatti numeri da capogiro: esportato in 130 paesi, oltre un milione di ettolitri prodotti tra Chianti e Chianti classico; con tutte le bottiglie vendute in un anno messe in fila si coprirebbe la distanza tra l’Alaska e l’Amazzonia. Affollato anche il mondo della produzione: oltre 3mila cantine grandi, medie e piccole. E non mancano le imitazioni e le contraffazioni.

Giù le mani dalle marmellate! Rivelata presenza di una tossina pericolosa. Il test del Salvagente

Come scegliere bene, dunque? Sicuramente in base al gusto e alla qualità del vino, e da questo punto di vista esistono pubblicazioni, concorsi, classifiche che possono agevolmente indirizzare il consumatore. Ma per i più esigenti e per chi ha a cuore l’ambiente e il controllo di ciò che beve, ci sono altri aspetti da valutare. 

Per questo il Salvagente ha deciso di portare in laboratorio 14 bottiglie di Chianti alla ricerca di pesticidi e altre sostanze rischiose per la salute, come l’anidride solforosa. Etichette di varia fascia di prezzo e di differenti categorie, da Chianti a Chianti Classico, da Riserva a Superiore, comprate nei maggiori supermercati italiani. I risultati mostrano un vino che, seppur con residui nei limiti massimi consentiti per legge, abbonda spesso di pesticidi: anche 9 molecole diverse nella stessa bottiglia.

Spaghetti al glifosato, il nuovo test su 20 marchi della rivista Il Salvagente

Va considerato che l’effetto cocktail di sostanze cancerogene, come alcuni dei pesticidi trovati nelle bottiglie analizzate, è al centro del dibattito scientifico. Seppure l’Efsa, l’Autorità europea per la sicurezza alimentare, ha messo a punto un metodo di valutazione e ha escluso i rischi per i consumatori, un recente studio internazionale a cui ha partecipato anche Fiorella Belpoggi, direttrice scientifica dell’Istituto Ramazzini di Bologna, ha trovato che le miscele di residui di pesticidi comunemente negli alimenti nell’Ue possono avere effetti negativi sulla salute anche quando ogni singola molecola è presente a un livello considerato sicuro dalle autorità di regolamentazione.
Scegliere dunque non solo in base alla bontà ma anche considerando la quantità di residui di fitofarmaci è una buona idea. 

La classifica del Salvagente riserva sorprese: nella parte alta fa capolino una bottiglia comprata in un discount, mentre in fondo finisce uno dei volti storici di questo vino. In totale 6 le bottiglie hanno riportato un giudizio buono dal nostro test.

A breve sarà online l’intervista video al direttore del Salvagente, Riccardo Quintili, a cura di TeleAmbiente per scoprire insieme i risultati del test del nuovo numero in edicola del mensile “Il Salvagente”.

Il Salvagente, la rivista leader nei test di laboratorio. Appuntamento mensile con il direttore Riccardo Quintili

Fonte Il Salvagente

(Visited 67 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago