Home Attualità Alto Adige, parchi giochi contaminati da pesticidi. Il nuovo studio

Alto Adige, parchi giochi contaminati da pesticidi. Il nuovo studio

Pesticidi nei parchi giochi e nei cortili delle scuole causato dalla vicinanza delle aree a coltivazione intensiva. I risultati del nuovo studio basato sui campioni raccolti in provincia di Bolzano.

Un nuovo studio conferma i risultati raccolti già nel 2017 relativi ad una diffusa contaminazione da pesticidi nei parchi pubblici vicini ad aree agricole a gestione intensiva. Lo studio è stato appena pubblicato su Environmental Sciences Europe e lo hanno curato la dottoressa Fiorella Belpoggi, direttrice scientifica dell’Istituto Ramazzini di Bologna, Caroline Linhart, Simona Panzacchi, Peter Clausing, Johann G. Zaller e Koen Hertoge.

LEGGI il documento integrale del nuovo studio

Sono stati valutati i campioni raccolti in 24 siti  nei parchi gioco e cortili delle scuole in provincia di Bolzano (19 campi da gioco, quattro cortili scolastici e un mercato pubblico) distribuiti in tutta nella provincia autonoma (7 siti in Val Venosta, 8 in Val d’Adige, 6 in Bassa Val d’Adige e 3 in Valle Isarco).  Il Sud Tirolo è tra le principali aree di produzione di mele e vino in Europa ed è una delle aree più esposte ai trattamenti fitosanitari. 

Pesticidi, trovate 299 sostanze inquinanti nelle acque. Insetticidi i più diffusi

In questo nuovo studio sono stati trovati residui di pesticidi anche in periodi con poca o nessuna applicazione di pesticidi nel campo (autunno e inverno): molti dei residui rilevati sono endocrini principi attivi e alcuni di essi (tiacloprid, bupirimato, captan, folpet) sono “sospetti cancerogeni per l’uomo”, secondo le autorità dell’Ue.

Metodo dello studio e risultati

I dati sui residui sono stati analizzati da 96 campioni di erba raccolti in primavera, estate, autunno e inverno dal Servizio medico altoatesino in 19 parchi giochi pubblici, quattro cortili scolastici e un mercato situato all’interno di paesaggi agricoli gestiti intensivamente. I campioni sono stati analizzati per 281 sostanze utilizzando la gascromatografia e la spettrometria di massa. Sono stati trovati in totale 32 residui di pesticidi e un agente conservante. Quasi tutti i siti (96%) sono stati contaminati da almeno un residuo durante l’anno; nel 79% dei siti è stato riscontrato più di un residuo.

Pesticidi, Legambiente: il 70% di frutta e verdura contiene uno o più residui

Tra i residui rilevati, il 76% è classificato come sostanze attive endocrine, capaci cioè di alterare il sistema ormonale anche a dosi molto basse, con le più alte concentrazioni di:

  • insetticida clorpirifos metile (0,71 mg kg ⁻¹);
  • erbicida oxadiazon (0,64 mg kg ⁻¹);
  • fungicidi captan (0,46 mg kg ⁻¹);
  • fluazinam (0,23 mg kg ⁻¹).

Il numero di residui, le loro concentrazioni e la proporzione di siti contaminati variano nel corso delle stagioni (p <0,001). Venticinque residui sono stati trovati nell’83% dei siti in primavera (concentrazione mediana 0,240 mg kg ⁻¹), nove nel 79% dei siti in estate (0,092 mg kg ⁻¹), tre nel 50% dei siti in autunno (0,076 mg kg ⁻¹) e quattro nel 17% dei siti in inverno (0,155 mg kg ⁻¹).

 

LEGGI il documento integrale del nuovo studio

I parchi giochi già esaminati nel 2017 nello studio precedente, sono stati più spesso contaminati da più residui di pesticidi nel 2018 (p = 0,045).

Pesticidi, Consiglio dei Ministri approva la riforma del Servizio Fitosanitario Nazionale

Lo studio non solo ha confermato che la contaminazione riguarda tutti i periodi dell’anno ma in alcuni casi la situazione è peggiorata segno che non sono state adottate misure adeguate.  – spiega la dottoressa Belpoggi in un’intervista rilasciata per la rivista Il SalvagenteUn altro aspetto che emerge con forza dal nostro lavoro è sicuramente il tema della deriva per volatilizzazione e quindi della contaminazione accidentale: la vicinanza, a volte eccessiva visto che i vigneti sorgono anche a poche decine di metri dai centri abitati, delle coltivazioni alle aree sensibili espongono i cittadini ogni giorno dell’anno ai pesticidi, alcuni dei quali con profili di rischio davvero elevati“. 

Articolo precedentell nostro bucato sta inquinando l’Artico! Le fibre sintetiche hanno raggiunto ogni angolo della Terra
Articolo successivoAustralia, record di vasectomie tra i vegani: “Lo facciamo per il Pianeta”