Territorio

Inquinamento, le commoventi immagini dell’oca grondante di petrolio VIDEO

Condividi

Le immagini dell’oca zuppa di petrolio che chiede aiuto hanno fatto il giro del web, suscitando commozione e indignazione. Fortunatamente la storia ha un lieto fine.

 


L’hanno trovata ricoperta di petrolio che chiedeva aiuto sulla spiaggia di Maragogi, una delle zone che è stata colpita dalla “misteriosa” ondata di petrolio.

La fuoriuscita di 600 tonnellate di petrolio sulle spiagge della costa nordorientale del Brasile, ha inquinato le spiagge del nordest del Brasile. La perdita della melma nera di una petroliera registrata i primi giorni di settembre, ha causato un disastro ambientale e  la morte di molti animali. Un video pubblicato sul profilo Twitter di The Intercept Brasil mostra un uccello completamente coperta di petrolio.

Inquinamento, fuoriuscite di petrolio sulle spiagge brasiliane. Bolsonaro: “Atto criminale” VIDEO

La fuoriuscita di petrolio a quasi due mesi di distanza ha provocato un disastro ambientale senza precedenti al largo della costa brasiliana con 187 regioni colpite. Volontari ed esperti stanno tutt’ora lavorando per pulire le spiagge dal petrolio.

Ancora non si sa quale sia la causa della fuoriuscita, anche se gli investigatori brasiliani sono convinti che il petrolio provenga dai pozzi in disuso del Venezuela, anche se nessuna accusa ufficiale è stata avanzata, considerate anche le attuali relazioni burrascose tra i due paesi.

Inquinamento, l’onda nera del lago Maracaibo VIDEO

La piccola oca è stata curata e ripulita dall’Istituto per la conservazione della fauna selvatica del Brasile, Biota Institute. 

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago