Roma

Uber, il servizio di bike sharing da pochi giorni a Roma già vandalizzato IMMAGINI

Condividi

Arriva il servizio bike sharing di Uber nella capitale ma a pochi giorni dal lancio delle bici rosse ecco i primi atti di vandalismo.  All’altezza della Bocca della Verità sono state trovate accasciate al marciapiede una fila di dieci biciclette.  Sui social tra i commenti alla notizia si legge “quanto durerà?”.

Roma è la prima città italiana a disporre del nuovo bike-sharing elettrico dockless di Uber, Jump, che amplia le opzioni di trasporto per i cittadini con prezzi accessibili e nel rispetto dell’ambiente.

“Da oggi 700 bici a pedalata assistita, che diventeranno più di 2.800 in poche settimane, sono a disposizione di tutti, con uno sguardo attento alla mobilità sostenibile e al turismo”, ha dichiarato la sindaca di Roma dopo la presentazione del servizio. 

Uber lancia il servizio bike sharing Jump a Roma, prima città in Italia. Ecco come funziona

Il servizio di bike sharing nella capitale sembrerebbe non avere molta fortuna. Non è infatti la prima volta che accadono episodi di questo tipo.

Quest’anno anche le bici Obike furono ritrovate in stato di abbandono e ad oggi il servizio non è più disponibile a Roma, dopo ritrovamenti  in posti sempre più improbabili.

Obike, un nuovo cimitero di bici abbandonate

Quanto ancora l’inciviltà delle persone procurerà danni di questo tipo?

(Visited 192 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago