AttualitàScienza e Tecnologia

Coronavirus, Pecoraro Scanio: “Prima vittoria della petizione #chatbotantiFakeNews”

Condividi

Coronavirus. “Complimenti al comune di Latina per essere stato il primo ad aver deciso di adottare l’assistente virtuale Minerva, per dare risposte ai cittadini” -lo afferma Alfonso Pecoraro Scanio, Presidente Fondazione Univerde e promotore della petizione #chatbotcontrofakenews #Minervarisponde

La piattaforma Minerva – il sistema di messaggistica istantanea che si serve dell’intelligenza artificiale per simulare una conversazione con un essere umano- ideato da un gruppo di ricercatori della Sapienza, e già operativo su numerosi siti tra cui quello della Fondazione Univerde ha ottenuto una prima adesione istituzionale proprio quello che chiedono 15000 cittadini che hanno sottoscritto la petizione sulla piattaforma Change.org

Coronavirus, oltre 11 mila firme a sostegno della petizione #chatbotantifakenews

Dopo aver ricevuto l’apprezzamento dal Ministero della Salute, il gruppo di giovani innovatori firma il patto di collaborazione con il comune di Latina.

L’accordo prevede l’attivazione sul sito istituzionale e sulle pagine social del Comune della innovativa Chatbot Minerva.

Centri Antiviolenza Roma, durante emergenza Covid19 attivo h24 numero 1522

Roma, #laculturaincasa su web e social. Tutti gli appuntamenti fino al 22 marzo

“Stiamo chiedendo al Ministero della Sanità e a tutti i comuni italiani di utilizzare l’intelligenza artificiale per liberare i call center delle istituzioni dando così priorità alle emergenze più rilevanti-continua l’ex ministro Pecoraro Scanio -Un ringraziamento va al team di giovani coordinato da Francesco Paolo Russo, che ricordo, hanno messo a disposizione gratuitamente per tutta la durata dell’emergenza sanitaria, garantendo in questo momento un supporto importante per tutta la comunità”.

Continuiamo a firmare su change.org #chatbotcontrofakenews #minervarisponde

(Visited 22 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago