Rifiuti

Galles, divieto plastica monouso: misure più in linea alle direttive UE rispetto all’Inghilterra

Condividi

Il governo gallese ha svelato i piani per vietare la plastica monouso a partire dal 2021. Le misure sono più vicine alle direttive europee sulla plastica che a quelle del governo di Boris Johnson.

Il governo gallese ha annunciato i piani sulla plastica monouso che entreranno in vigore a partire dal 2021: prodotti come cannucce, cotton fioc, posate e bicchieri di plastica saranno vietati o soggetti a restrizioni.

Italia aderisce al Patto per il riuso e riciclo della plastica

La dichiarazione è giunta a seguito delle consultazioni per mettere in pratica queste restrizioni. Le organizzazioni ambientali hanno accolto la mossa ma sostengono che siano necessari ulteriori provvedimenti per contrastare la quantità di rifiuti che finisce negli oceani. Un divieto simile entrerà in vigore in Inghilterra a partire dal prossimo mese. Tuttavia le misure del governo gallese sono più restrittive, allineandosi alle direttive dell’Unione Europea sulla plastica monouso.

Cannucce, cotton fioc, piatti e posate di plastica saranno rimossi dagli scaffali insieme ai container degli alimenti realizzati in polistirene e i prodotti realizzati con plastiche oxo-degradabili come certi tipi di buste. La Ministra Hannah Blythyn ha spiegato che il governo gallese porterà avanti delle consultazioni pubbliche “per capire l’impatto di queste proposte, in particolare sui cittadini che fanno utilizzo di questi oggetti per essere sicuri di prendere la scelta giusta”. Ad esempio la Baronessa ed ex atleta paraolimpica Tanni Grey-Thompson ha spiegato che vietare le cannucce di plastica potrebbe essere un problema per le persone con difficoltà nel bere autonomamente.

Rifiuti, McDonald’s sostituirà le posate di plastica con quelle in legno

Con le nuove regole del governo britannico le persone potranno ancora chiedere cannucce nei bar e ristoranti d’Inghilterra mentre ai medici e ai laboratori scientifici sarà consentito di comprare coton fioc. Il governo gallese ha ribadito di non aver preso ancora nessuna decisione su come debba funzionare il divieto e che comunque saranno soggette a cambiamento. Ms Blythyn ha spiegato: “La plastica monouso che noi vogliamo vietare è quella difficile da riciclare e che spesso viene raccolta sulle spiagge delle nostre coste. E’ fondamentale non gettare via il nostro futuro e per questo crediamo che queste azioni avranno un impatto fondamentale nel cambiare l’atteggiamento delle persone”.

New York, entra in vigore il divieto sulle buste di plastica monouso

Jemma Bere di Keep Wales Tidy prevede che l’impatto sulle imprese e i consumatori sarà minore “in quanto esistono molte alternative a questi prodotti. E’ fondamentale far comprendere al pubblico l’importanza di trovare alternative”. Tuttavia sostiene che vietare questi oggetti non basti per ridurre i rifiuti e l’inquinamento, opinione condivisa anche da Haf Elgar di Friends of the Earth Cymru: “E’ solo un passo avanti e abbiamo bisogno di lavorare per diventare una nazione a zero sprechi. Fortunatamente il governo gallese sta lavorando su altre misure come una tassa sul latte ed un regime di deposito”.

(Visited 7 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago