Antiviolenza. I Centri Antiviolenza di Roma Capitale continuano la loro attività di sostegno alle donne vittime di violenza di genere anche durante l’emergenza Covid-19 garantendo assistenza telefonica e rispondendo a tutte le richieste di aiuto.

I loro numeri sono attivi h24 e sono disponibili sul portale istituzionale.

Saranno assicurate quindi consulenze specialistiche sia di tipo psicologico sia legale. Sono collegati al numero telefonico nazionale 1522, gratuito e attivo h24.

Roma resta vicina alle donne anche e soprattutto in questa fase di emergenza. Ci è stato richiesto di rimanere a casa, ma per molte donne questo può rivelarsi un grave problema. I Centri Antiviolenza di Roma Capitale continueranno ad offrire i propri servizi garantendo assistenza telefonica e rispondendo a tutte le richieste di aiuto”, dichiara la Sindaca di Roma Virginia Raggi.

Clima, i cambiamenti climatici sono responsabili di un aumento della violenza sulle donne

“In un momento delicato come quello che stiamo vivendo è fondamentale non spezzare il legame dei cittadini con servizi e supporti essenziali. I nostri Centri Antiviolenza continuano ad essere attivi e pronti a rispondere alle segnalazioni delle donne per affrontare situazioni critiche che potrebbero verificarsi in questo periodo”, dichiara l’Assessora alla Persona, Scuola e Comunità Solidale Veronica Mammì.

Clima, non solo Greta: 12 donne fondamentali nella lotta ai cambiamenti climatici

Gli appuntamenti, invece, presso le sedi fisiche dei Centri Antiviolenza saranno fissati esclusivamente nei casi di particolare criticità della situazione di violenza rilevata dalle operatrici.

I colloqui si svolgeranno nel rispetto delle disposizioni del Governo e della Regione Lazio nell’ambito delle misure di contenimento del contagio da Covid-19.

Per tutte le informazioni sui Centri Antiviolenza di Roma Capitale e sui numeri attivi è possibile consultare il sito https://bit.ly/2Ud1Mjr

Articolo precedenteCoronavirus, contest #iononmiannoio sui social media di Roma Capitale
Articolo successivoRapporto Economia Circolare, Italia ancora prima in Ue ma perde punti