Attualità

Jovanotti Beach Tour, appello ambientalisti: “A rischio i pulcini di Fratino”

Condividi

Il Beach Tour di Jovanotti minaccia i pulcini di Fratino, specie di interesse comunitario, che nidifica in aree vicine ad alcune tappe del tour. Arriva l’appello di Legambiente e AsOER per l’annullamento della tappa di Lido degli Estensi (Ferrara), luogo di  nidificazione del fratino.

Già a dicembre la tutela del fratino aveva portato all’annullamento della tappa di Ladispoli. In estate i pulcini di fratino sarebbero già presenti sulla spiaggia, ma non ancora in grado di volare: rischierebbero di essere schiacciati dai fan. La critica investe anche il Wwf, partner del Jova Beach Tour e garante del rispetto ambientale.

Le associazioni ambientalista e animalista Legambient AsOER, Associazione Ornitologi dell’Emilia Romagna, hanno chiesto l’annullamento della tappa Beach Party di Jovanotti prevista per il 20 agosto a Lido degli Estensi in provincia di Ferrara. Alla base della richiesta, la necessità di tutelare i pulcini della specie di fratino. Il fratino nidifica infatti nell’area protetta vicina e i suoi pulcini, nel periodo per il quale è previsto il concerto, potrebbero essere in spiaggia, ancora incapaci di volare, potrebbero finire per essere schiacciati dai fan.
  • L’AsOER
    “Chiediamo di spostare il concerto di Jovanotti in un luogo meno sensibile, attuando ogni forma si protezione possibile del fratino e delle dune. L’area individuata è utilizzata quest’anno dal fratino per la nidificazione. A causa delle condizioni meteo climatiche avverse le prime covate sono in gran parte fallite e i fratini stanno nuovamente deponendo uova e continueranno nelle prossime settimane concentrandosi nel luogo del concerto poiché sul resto delle spiagge è iniziata la stagione balneare. Ad agosto dunque saranno ancora presenti sulla spiaggia pulcini di fratino incapaci di volare, che verrebbero inevitabilmente schiacciati. I nostri volontari infatti sono in grado di proteggere i nidi ma non i pulcini, quando si spostano sulla spiaggia”. Così l’, AsOER, , in un post su Facebook, in cui si legge anche: “Quest’anno il successo riprodutivo è stato sino ad ora molto basso – aggiunge l’ AsOER che prosegue ricordando che il fratino “è una specie di interesse comunitario e che la sua  uccisione e il danneggiamento di nidi e uova costituiscono un reato penale. In Emilia-Romagna rimangono ormai solo 30-40 coppie di questo piccolo uccello che vive sulle spiagge. Nell’area interessata dal concerto vi sono quest’anno almeno 5 coppie”.

Bracconaggio degli uccelli, varato il Piano Strategico di Roma

  • LEGAMBIENTE
    Marino Rizzati, presidente di  Legambiente Delta del Po, in una nota rivolta a Jovanotti ha scritto: “Nulla contro di te e le tue canzoni, ma non possiamo esimerci dal chiederti di individuare un’area diversa per il Jova Beach Festival”.
  • REPLICA DEL WWF
    Il Wwf
    , rispondendo alle critiche su Lido degli Estensi ha spiegato di aver tenuto conto dell’ecosistema locale. “Siamo ben consapevoli della delicatezza dell’area, in particolare per la presenza di fratino. – si legge in una nota – Proprio per questa ragione, l’organizzazione ha stabilito una data così avanzata nel corso dell’estate, quando la nidificazione sarà terminata da tempo, ed ha previsto di non utilizzare in alcun modo la duna e la zona antistante ad essa, che saranno completamente delimitate e recintate per evitare qualunque forma di accesso e calpestio sia da parte dei partecipanti che durante le operazioni di montaggio e smontaggio del palco. Inoltre, sull’area è stata fatta un’approfondita analisi ambientale per la Valutazione d’incidenza su cui si esprimeranno gli Enti competenti”.

Mare, nasce ‘Wwf Sub’ per difendere e conservare la biodiversità marina

In relazione alle problematiche riguardanti la specie del fratino, Wwf ha poi sottolineato come a minacciare la specie vi siano oltre alla nota causa del clima, problemi strutturali di altro tipo:”Purtroppo anche per quest’anno il successo delle prime covate delle coppie di fratino monitorate nella zona è tremendamente basso, a causa delle condizioni climatiche avverse che si sommano a problemi strutturali che nulla hanno a che fare con il concerto (al quale mancano ancora tre mesi), bensì con il disturbo da parte di chi fruisce l’area senza rispettare le prescrizioni vigenti (per esempio, tenere i cani al guinzaglio), la presenza di una colonia felina a poca distanza, pulizie della spiaggia meccanizzate“. Il Fondo mondiale per l’ambiente, ci tiene a ribadire che fa il tifo per il fratino e mai avrebbe appoggiato una scelta del genere, se questa mettesse a repentaglio l’habitat e l’ecosistema locale.

Api, Morgan Freeman: “Sono alla base della crescita del Pianeta”

  • JOVA BEACH TOUR 2019
    Il Jova Beach Party 2019, è  un tour in formula green spiagge e lungomari tra le location, con l’eccezione di una tappa in montagna, a Plan De Coronas (anch’essa criticata) e poi il patrocinio di Wwf : “per rispettare l’ambiente e lasciare la spiaggia migliore di come l’abbiamo trovata”, come si legge sulla pagina del progetto.

Operazione Mare Sicuro 2019, dal 1 giugno controlli in spiaggia

  • POLEMICHE PRECEDENTI
    La partnership con Wwf che non è bastata a non sollevare le polemiche degli ambientalisti rispetto al tour. Questa di Lido degli Estensi è infatti solo l’ultima in ordine temporale, dopo la prima, dello stesso tenore, sollevata a dicembre, poco tempo dopo dall’annuncio del Tour , dagli ambientalisti di No Party di Torre Flavia (Ladispoli), attivatisi anch’essi in difesa dei pulcini di fratino. E, successivamente, ad aprile, dopo le critiche del noto alpinista Reinhold Messner, che aveva chiesto l’annullamento della data di Plan De Coronas, per rispetto della montagna.
(Visited 246 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago