Breaking News

Animali, il baby polpo lascia il bicchiere di plastica per una nuova “casa” VIDEO

Condividi

Un gruppo di sommozzatori è riuscito a convincere dopo molti tentativi un baby polpo a lasciare la sua casa, un bicchiere di plastica, per una più sana, una conchiglia.


Aveva scelto come casa un bicchiere di plastica, il baby polpo che è stato avvicinato da un team di subacquei capitanati da Pall Sigurdsson in Indonesia. Il team aveva paura che il bicchiere potesse creare danni sia al piccolo polpo che agli eventuali animali che se ne fossero nutriti, così dopo tre tentativi sono riusciti a convincere l’animale a “traslocare”, lasciando gradualmente il bicchiere per una conchiglia nuova di zecca.

“Abbiamo speso quasi tutto il tempo dell’escursione sottomarina per salvare questo polpo da un destino crudele“, racconta Pall Sigurdsson.

Animali, liberato squalo cresciuto con un anello di plastica intorno al collo

Il polpo striato nasce con l’istinto di proteggersi creando una casa mobile fatta di gusci di cocco o di conchiglie.Questo particolare individuo però è rimasto intrappolato per via del suo istinto primordiale ed ha scelto come casa un bicchiere di plastica che ha trovato sott’acqua.”

Abbiamo trovato questo polpo circa 20 metri in profondità, abbiamo provato a lungo a farlo uscire dal bicchiere, proponendogli varie conchiglie come nuova casa,” conclude Pall. “Questa specie di polpo è conosciuta per essere molto selettiva nello scegliere una “casa”, così abbiamo dovuto fare diversi tentativi fino a trovarne uno accettabile.”

Ritorna in mare Aprea, la tartaruga salvata dalla plastica VIDEO

 

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago