Attualità

USA, un ulteriore mandato di Trump sarebbe devastante per l’ambiente

Condividi

Dal ritiro dagli accordi di Parigi alla revisione della NEPA, l’impatto di un secondo mandato di Donald Trump potrebbe avere degli effetti irreversibili sull’ambiente. 

Un secondo mandato di Donald Trump? Anche il solo pensiero farebbe impallidire tutto il Partito Democratico. In realtà i danni potrebbero essere meno immediati di quello che si pensa. La vita in molti modi andrà avanti. Ma il pianeta continuerà a riscaldarsi e i governi più forti destabilizzeranno l’ambiente che ci circonda.

USA, Trump vuole cambiare la regolamentazione ambientale “complessa e intricata”

Poco dopo l’inizio del nuovo anno l’amministrazione Trump ha annunciato un piano per revisionare il National Environmental Policy Act, l’atto che obbliga a tenere contro dell’impatto ambientale nei nuovi progetti di infrastrutture. Secondo la volontà del Presidente le nuove regole per la costruzione di autostrade, oleodotti e ad altre grandi infrastrutture non dovranno tenere conto dei cambiamenti climatici nella valutazione dei danni. E’ sicuramente la minaccia più grave all’ambiente da quando Trump è entrato alla Casa Bianca tre anni fa.

Progetti come l’oleodotto Keystone XL potrebbero avere via libera, senza essere giudicati dalle corti che in passato li hanno bloccato per non aver rispettato i requisiti necessari. Le nuove regole ridurranno drasticamente i progetti che necessitano di una revisione ambientale, e molti progetti di infrastrutture partiranno senza avere piani per come gestire i rifiuti, l’abbattimento degli alberi o le conseguenze sull’inquinamento. Con la nuova revisione, le agenzie non dovranno considerare le “conseguenze cumulative” delle nuove infrastrutture, un requisito considerato vincolante per studiare gli effetti delle emissioni di gas ad effetto serra e dell’aumento del livello dei mari.

Ambiente, Trump mette a serio rischio il futuro della ricerca scientifica

Il NEPA venne introdotto dal Presidente repubblicano Richard Nixon nel 1970 dopo che il fiume Cuyahoga, altamente inquinato, prese fuoco e una nave cisterna con 3 milioni di galloni di petrolio si riversò nelle coste della California. Nonostante la sua presidenza venga ancora considerata in malo modo dai democratici, Nixon fu fondamentale anche per la creazione delll’Environmental Protection Agency, EPA, l’agenzia che ha sviluppato la regolamentazione attualmente sotto attacco degli stessi repubblicano. I conservatori dell’epoca erano a conoscenza del fatto che fosse fondamentale il ruolo del governo nel proteggere l’ambiente.

Oggi però siamo in una nuova e più terrificante era. Il Partito repubblicano è molto più conservatore di quanto lo sia mai stato in passato. Questo fa capire che la revisione delle regolamentazione ambientale non è solo una prerogativa del presidente ma di tutte le alte sfere del partito. I fratelli Koch ed altri miliardari repubblicani hanno sempre sognato il giorno in cui gli interessi economici sarebbero prevalsi sulla protezione dell’ambiente. Non è solo Trump a negare l’esistenza dei cambiamenti climatici. Se Ted Cruz o Marco Rubio avessero vinto le elezioni nel 2016, l’assalto all’EPA sarebbe iniziato anche prima. Probabilmente, come Trump ha fatto con Andrew Wheeler, avrebbero nominato un rappresentante delle lobby del carbone a capo dell’agenzia.

USA, quali effetti sull’ambiente potrebbe avere il secondo mandato di Trump?

Quattro anni di danni si possono contenere, otto iniziano ad essere tanti. I democratici che correranno per la presidenza e i milioni di elettori che andranno alle urne devono sapere i rischi che il pianeta corre. Un’ EPA funzionante è fondamentale per invertire i danni dei cambiamenti climatici. Con un altro mandato di Trump, le compagnie petrolifere avrebbero carta bianca per ottenere profitti dalla distruzione dell’ambiente. Il prossimo presidente democratico non dovrà solamente annullare i danni di Trump ma fare una rapida rimonta nella corsa del mondo per assicurarsi un futuro migliore. Le lancette dell’orologio del giorno del giudizio scorrono in fretta.

(Visited 22 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago