Home Cultura Roma, il rapporto arte-natura in mostra nei locali dell’Assessorato all’Ambiente

Roma, il rapporto arte-natura in mostra nei locali dell’Assessorato all’Ambiente

Inizia il 1 febbraio l’evento “12 mesi di arte ambientale” che porterà nei locali dell’Assessorato all’Ambiente di Roma 12 artisti – uno al mese – che esporranno opere con al centro il proprio personale rapporto con la natura. 

Dodici artisti, uno ogni mese a partire da febbraio 2022, esporranno i propri dipinti con al centro il tema del rapporto tra arte e ambiente.

È questo il fulcro dell’evento “12 mesi di arte ambientale” voluto dall’Assessorato all’Ambiente del Comune di Roma che ospiterà per un intero anno – da oggi e fino a febbraio 2023 – le mostre dei pittori contemporanei.

Una mostra ideata dall’artista Simona Sarti e sostenuta dall’assessora all’ambiente Sabrina Alfonsi. “Abbiamo voluto sostenere questo progetto artistico perché crediamo che diffondere arte ed educazione ambientale, rispetto e cultura del verde intorno a noi, sia fondamentale”, ha dichiarato l’assessora Alfonsi.

Greta e le favole vere, finite le riprese del film: nel cast anche Raoul Bova

12 mesi di arte ambientale, si comincia con Michel Patrin

Una mostra corale, dunque, che durerà un intero anno. Si comincerà oggi con le esposizioni di Micheal Patrin, poliedrico pittore e architetto, presidente dell’Associazione Arte Altra.

Ogni primo giorno del mese, poi, ci sarà il passaggio del testimone. Questo il programma:

  • Michel Patrin febbraio 2022
  • Metello Iacobini marzo 2022
  • Simona Sarti aprile 2022
  • Marzia Gandini maggio 2022
  • Isabella Angelini giugno 2022
  • Gabriella Sabbadini luglio 2022
  • Norberto Cenci settembre 2022
  • Elisabetta Piu ottobre 2022
  • Giovanna Gandini novembre 2022
  • Ginevra Tonini Masella Dicembre 2022
  • Marco Delli Veneri Gennaio 2023
  • Brunella Martucci febbraio 2023

Sanremo, Greenpeace contro Eni: “Industria di combustibili come sponsor? È greenwashing”

Articolo precedenteRemtech Expo presenta i quattro pilastri dell’edizione 2022: rigenerazione, risanamento, rischi naturali e rilancio
Articolo successivoA Genova e Pisa si studia come abbandonare la sperimentazione animale