Home Eventi Remtech Expo presenta i quattro pilastri dell’edizione 2022: rigenerazione, risanamento, rischi naturali...

Remtech Expo presenta i quattro pilastri dell’edizione 2022: rigenerazione, risanamento, rischi naturali e rilancio

Sono stati approvati venerdì dall’Advisory Board i quattro pilastri che RemTech Expo lancerà per l’edizione 2022. Rigenerazione, Risanamento, Rischi naturali e Rilancio saranno queste le macrooaree dell’appuntamento annuale più atteso, che quest’anno si terrà dal 21 al 23 Settembre a Ferrara Fiere.

RemTech Expo è l’unico Hub Tecnologico Ambientale, internazionale e permanente, specializzato sui temi del risanamento, rigenerazione e sviluppo sostenibile dei territori.

Si compone di dieci segmenti – REMTECH e REMTECH EUROPE specializzati in: bonifiche dei siti contaminati, COAST in: tutela delle coste, porti, sostenibilità, ESONDA: dissesto idrogeologico, inondazioni, frane, CLIMETECH cambiamenti climatici, mitigazione, adattamento, GEOSISMICA rischio sismico, prevenzione, ricostruzione, INERTIA opere sostenibili materiali, economia circolare, RIGENERACITY rigenerazione urbana, social housing, CHEMTECH industria chimica innovativa e sostenibile e FIRE, prevenzione e sicurezza antincendio del Patrimonio Culturale italiano – ed uno speciale segmento HUTTE dedicato ai temi della sostenibilità e del benessere integrale.

“Siamo davvero lieti di promuovere le quattro “R” o i quattro pilastri che animeranno quest’anno RemTech Expo, in occasione della RemTech Week. Rigenerazione, Risanamento, Rischi naturali e Rilancio saranno la base su cui si fonderanno altre tematiche, già delineate con i coordinatori dell’ Advisory Board, durante la nostra consueta seduta plenaria – ha detto Silvia Paparella General Manager di RemTech Expo – Protagonisti di questa XVI edizione – aggiunge – saranno non “solo” i grandi temi del futuro ma anche la necessità di favorire processi finalmente nuovi unitamente alla capacità di fornire suggestioni anche culturali ed estese a tutti i territori sui temi del risanamento, rigenerazione, sostenibilità e benessere”.

Previous articleGiornata Mondiale delle Zone Umide: preservare le aree dove la biodiversità è di casa
Next articleRoma, il rapporto arte-natura in mostra nei locali dell’Assessorato all’Ambiente