Addio a Piero Angela, il papà della divulgazione scientifica è morto a 93 anni. Video

192
0

A dare l’annuncio della scomparsa di Piero Angela è stato il figlio Alberto sui social. Il servizio video

È morto all’età di 93 Piero Angela, padre della divulgazione scientifica in tv. A darne l’annuncio, con un brevissimo messaggio pubblicato sui social, è stato il figlio Alberto: “Buon viaggio papà”.

Nonostante la sua età era stato attivo fino alla fine. Lo scorso luglio era andata in onda l’ultima puntata del celebre programma SuperQuark in cui Piero Angela aveva festeggiato 70 anni di carriera in Rai.

“Se la regina Elisabetta ha festeggiato il suo Giubileo di Platino – aveva dichiarato Angela durante la sua ultima apparizione televisiva – anche noi, molto più modestamente, festeggiamo. Io in particolare con il programma di oggi sono 70 anni che lavoro ininterrottamente per la Rai. Dal 1952 quando non c’era ancora la televisione”.

Piero Angela, l’ultimo messaggio ai telespettatori

Qualche giorno fa il celebre conduttore e divulgatore televisivo aveva lasciato un ultimo messaggio ai suoi telespettatori.

“Cari amici – aveva scritto Piero Angela – mi spiace non essere più con voi dopo 70 anni assieme. Ma anche la natura ha i suoi ritmi. Sono stati anni per me molto stimolanti che mi hanno portato a conoscere il mondo e la natura umana. Soprattutto ho avuto la fortuna di conoscere gente che mi ha aiutato a realizzare quello che ogni uomo vorrebbe scoprire. Grazie alla scienza e a un metodo che permette di affrontare i problemi in modo razionale ma al tempo stesso umano. Malgrado una lunga malattia sono riuscito a portare a termine tutte le mie trasmissioni e i miei progetti (persino una piccola soddisfazione: un disco di jazz al pianoforte…). Ma anche, sedici puntate dedicate alla scuola sui problemi dell’ambiente e dell’energia. È stata un’avventura straordinaria, vissuta intensamente e resa possibile grazie alla collaborazione di un grande gruppo di autori, collaboratori, tecnici e scienziati. A mia volta, ho cercato di raccontare quello che ho imparato. Carissimi tutti, penso di aver fatto la mia parte. Cercate di fare anche voi la vostra per questo nostro difficile Paese. Un grande abbraccio”.

Chi era Piero Angela

Nato a Torino il 22 dicembre 1928, Piero Angela era figlio di Carlo, nominato Giusto tra le nazioni per aver salvato numerosi cittadini ebrei durante la Seconda Guerra Mondiale.

Inizia presto la carriera giornalistica, prima al Giornale Radio, poi al primo telegiornale della Rai. Fu lui, nel 1968, a condurre il primo telegiornale nazionale delle 13.30.

Ma è a partire dagli anni Settanta che Piero Angela decide di dedicarsi alla divulgazione scientifica. Lo fa con il programma “Destinazione Uomo” e poi nel 1980 con la prima puntata dello storico Quark, diventato poi SuperQuark.

Non aveva mai conseguito una laurea ma per il suo lavoro e il suo studio costante gli erano state conferite ben 8 lauree Honoris Causa. 

Piero Angela disse a TeleAmbiente: “Dobbiamo dar retta ai giovani”

Nel suo lavoro di divulgatore scientifico Piero Angela si è sempre prodigato per la spiegazione dei fenomeni naturali e ambientali. Negli ultimi anni, sempre più spesso si era trovato a parlare di cambiamenti climatici e difesa della natura e degli ecosistemi.

In un’intervista rilasciata a TeleAmbiente nel 2019, Piero Angela disse: “Anche in passato ci sono stati movimenti ambientalisti, ma purtroppo non si è arrivati ai miglioramenti auspicati. I giovani fanno bene a chiedere un futuro, ma i politici sono troppo concentrati sul presente. I tanti paesi devono marciare all’unisono perché non basta disinquinare un laghetto o un fiume. In Italia si seguono molto di più le problematiche degli anziani rispetto a quelle dei giovani e delle famiglie. Le questioni si conoscono bene ma non si fa nulla”. 

Articolo precedenteUsa, la legge per il clima di Biden passa anche al Congresso
Articolo successivoSfattoria, salvi fino al 14 settembre gli animali del santuario. Poi cosa succederà?