AttualitàSalute

Coronavirus, appello 100 scienziati a Conte e Mattarella: “misure drastiche in 2 o 3 giorni”

Condividi

Coronavirus. Un appello ad attuare misure drastiche nei prossimi 2 o 3 giorni per evitare in Italia centinaia di decessi al giorno per Covid-19, è stato lanciato da oltre cento scienziati al Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella e al Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte.

“Come scienziati, ricercatori e professori universitari – si legge nell’appello, firmato tra gli altri dal rettore della Scuola normale superiore di Pisa, Luigi Ambrosio, dal presidente dell’Ingv Carlo Doglioni, dal pro rettore dell’Istituto del Gran Sasso, Piero Marcatiriteniamo doveroso ed urgente esprimere la nostra più viva preoccupazione in merito alla fase attuale di diffusione della pandemia da Covid-19″.

Lo stretto legame tra aria inquinata, consegne a domicilio e rifiuti plastici

Gli accademici fanno poi riferimento alle stime diffuse dal fisico Giorgio Parisi, secondo le quali il raddoppio nei decessi che si sta osservando ogni settimana potrebbe portare in breve a 400-500 morti al giorno.

I ricercatori, che condividono la proposta di Parisi diassumere provvedimenti stringenti e drastici nei prossimi due o tre giorni”, sottolineano poi come “il necessario contemperamento delle esigenze dell’economia e della tutela dei posti di lavoro con quelle del contenimento della diffusione del contagio deve ora lasciar spazio alla pressante esigenza di salvaguardare il diritto alla salute individuale e collettiva sancito nell’art. 32 della Carta costituzionale come inviolabile”.

Coronavirus. Il premier Conte firma il nuovo Dpcm. Tutte le novità

Anche perché, sostengono gli accademici, tutte le attività economiche sarebbero comunque “inevitabilmente pregiudicate all’esito di un dilagare fuori controllo della pandemia che si protraesse per molti mesi”.

(Visited 19 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago