AttualitàSalute

Coronavirus. Il premier Conte firma il nuovo Dpcm. Tutte le novità

Condividi

Dpcm. Continuano a salire i nuovi casi di Coronavirus in Italia: 11.705 nuovi casi e 69 morti. Picco di contagi in Lombardia 2975, Campania 1376, Lazio 1198 e Piemonte 1123.

“La strategia non è e non può essere la stessa della primavera: in questi mesi abbiamo lavorato intensamente” – ha detto in conferenza stampa il premier, Giuseppe Conte, annunciando di aver firmato il nuovo Dpcm per contenere il contagio da Covid-19.

“Il provvedimento dovrà consentirci di affrontare la nuova ondata – ha aggiunto Conte – non possiamo perdere tempo. Dobbiamo scongiurare un nuovo lockdown. No ad una nuova battuta d’arresto per la nostra economia”.

Microplastiche, attenzione ai glitter nei cosmetici: possono danneggiare laghi e fiumi. Lo studio

Cosa prevede il nuovo Dpcm:

  • Le attività dei servizi di ristorazione (bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie, ecc) sono consentite dalle 5 fino 24 con consumo al tavolo e con un massimo di persone per tavolo;
  • Le attività dei servizi di ristorazione (bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie, ecc) in assenza di consumo al tavolo sono consentite fino alle ore 18;
  • Consentita la ristorazione con consegna a domicilio nel rispetto delle norme igienico-sanitarie sia per l’attività di confezionamento che di trasporto;
  • Consentita fino alle ore 24,00 la ristorazione con asporto, con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze;
  • Gli esercenti sono obbligati a esporre all’ingresso del locale un cartello che riporti il numero massimo di persone ammesse contemporaneamente nel locale sulla base dei protocolli e delle linee guida vigenti;
  • I sindaci possono disporre la chiusura al pubblico, dopo le ore 21, di vie o piazze nei centri urbani dove si possono creare situazioni di assembramento, fatta salva la possibilità di accesso o deflusso agli esercizi commerciali legittimamente aperti e alle abitazioni private;
  • Restano aperti i punti ristoro sulle autostrade;
  • Continua ad essere assicurata l’attività didattica in presenza;
  • Scuole superiori e Università possono rimodulare ulteriormente la gestione degli orari di ingresso (non prima delle ore 9) e di uscita, anche attraverso l’utilizzo di turni pomeridiani ed il ricorso alla didattica digitale integrata;
  • Vietate le sagre e le fiere locali;

Rischio carestia per 55 mln di persone nel mondo a causa del Coronavirus

  • Restano consentite le manifestazioni fieristiche di carattere nazionale ed internazionale, previa adozione di protocolli validati dal Comitato tecnico-scientifico e secondo misure organizzative adeguate alle dimensioni ed alle caratteristiche dei luoghi e tali da garantire ai frequentatori la possibilità di rispettare la distanza interpersonale di almeno un metro;
  • Sospesi tutti i convegni ed i congressi, salvo che si svolgano con modalità a distanza;
  • Nell’ambito delle pubbliche amministrazioni le riunioni si svolgono in modalità a distanza, salvo la sussistenza di motivate ragioni di interesse pubblico;
  • Fortemente raccomandato di svolgere anche le riunioni private in modalità a distanza;
  • Le attività di sale giochi, sale scommesse e sale bingo sono consentite dalle ore 8 alle ore 21, nel rispetto dei protocolli anti contagio;
  • Nelle zone a più alta incidenza epidemiologica possono essere sospesi gli esami di scuola guida;
  • L’attività sportiva dilettantistica di base, le scuole e l’attività formativa di avviamento relative agli sport di contatto, sono consentite solo in forma individuale e non sono consentite gare e competizioni;
  • Sono sospese tutte le gare, le competizioni e le attività connesse agli sport di contatto aventi carattere ludico-amatoriale.

 

Le nuove misure saranno in vigore dal 19 ottobre 2020 fino al 13 novembre 2020.

(Visited 28 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago