AttualitàClima

I colori dei fiori stanno cambiando in risposta ai cambiamenti climatici. Lo studio

Condividi

I pigmenti UV dei fiori sono cambiati a causa dei cambiamenti climatici, come suggerisce uno studio. I raggi UV possono danneggiare il polline di un fiore e ciò potrebbe avere implicazioni per la riproduzione vegetale. 

Secondo uno studio pubblicato su Current Biology con i cambiamenti climatici negli ultimi 75 anni i fiori si sono adattati anche all’aumento delle temperature e al calo dell’ozono, alterando i pigmenti ultravioletti (UV) nei loro petali.

I pigmenti UV dei fiori sono invisibili all’occhio umano, ma attirano gli impollinatori e servono come una sorta di protezione solare per le piante, afferma Matthew Koski, ecologo vegetale della Clemson University coautore dello studio: “Questo ha implicazioni per la riproduzione vegetale sia di fiori selvatici autoctoni che di specie coltivate domestiche che hanno modelli floreali UV come canola e girasoli. La colorazione floreale UV alterata ha il potenziale per interrompere i servizi di impollinazione“.

Koski si è recato in Europa, Australia e Nord America e ha raccolto campioni di piante databili dagli anni ’40 al 2017. Insieme al suo team ha esaminato 1.238 campioni per vedere come e se la loro pigmentazione UV avesse risposto ai cambiamenti climatici (esposizione e temperatura ai raggi UV).

Biodiversità, siglata partnership per proteggere la farfalla monarca e il suo habitat

Nel complesso, hanno scoperto che la pigmentazione UV aumenta del due percento ogni anno. Questo ha senso perché i fiori usano il pigmento UV per proteggere il loro polline dalle radiazioni UV. In uno studio precedente, Koski aveva scoperto che i fiori in aree con maggiore esposizione ai raggi UV, come altitudini più elevate, avevano più pigmento UV. Questa scoperta corrispondeva alla previsione dei ricercatori che i fiori si sarebbero evoluti per produrre più pigmenti man mano che i livelli di ozono diminuivano e l’esposizione alle radiazioni UV aumentava.

Tuttavia, le risposte dei fiori sia all’ozono che ai cambiamenti di temperatura erano fortemente influenzate dal fatto che i fiori avessero esposto o meno il polline (fonte Science).

Per i fiori con polline esposto, come i ranuncoli, la pigmentazione UV è aumentata quando l’ozono è diminuito e si è abbassata quando l’ozono è aumentato. Per i fiori con polline nascosto, come l’erba vescica, i livelli di pigmento UV sono stati determinati dalla temperatura, non dall’esposizione alle radiazioni: se la temperatura saliva, i livelli di pigmento diminuivano, anche se diminuivano anche i livelli di ozono.

Commissione Europea, 3 miliardi di alberi entro il 2030 per combattere la crisi della biodiversità

Questo perché nascondere il polline nei petali può proteggerlo dall’esposizione ai raggi UV ma anche esporlo a calore aggiuntivo“, spiega il biologo di Harvard Charles Davis. Quando le temperature aumentano la protezione extra rischia di surriscaldare il polline. La riduzione del pigmento UV riduce anche la quantità di radiazione solare assorbita dai petali e può quindi aiutare a mantenere fresco il polline.

I cambiamenti del pigmento potrebbero influire sulla capacità delle piante di attirare gli impollinatori perché gli impollinatori sono attratti da un modello “occhio di bue” che contrasta i pigmenti UV alti e bassi, ha spiegato Koski. Anche l’alterazione dei livelli di pigmento potrebbe alterare l’efficacia di questo modello.

(Visited 78 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago