Clima, Groenlandia: irrimediabile perdita delle masse di ghiaccio

Clima. I Cambiamenti climatici stanno sciogliendo i ghiacciai della Groenlandia sei volte più rapidamente rispetto agli anni Ottanta. Nuovo studio pubblicato su “Pnas” ha monitorato lo stato delle masse di ghiaccio dal 1972 al 2018. La perdita media annua dei ghiacciai è passata dal 50 a 186 miliardi di tonnellate, con conseguente aumento dell’innalzamento del livello del mare. Uno studio precedente, sui ghiacciai dell’Isola, aveva dimostrato una drammatica accelerazione della fusione, anche del ghiaccio fisso. 

I ghiacciai della Groenlandia si stanno sciogliendo ad una velocità sei volte superiore rispetto a quella degli anni Ottanta. A rivelarlo è uno studio pubblicato sulla rivista Pnas “Proceedings of the National Academy of Sciences of the United States of America”, dal titolo “Forty-six years of Greenland Ice Sheet mass balance from 1972 to 2018“.

Artico, il concerto con strumenti di ghiaccio per supportare nuovi santuari oceanici VIDEO

  • I DATI dello STUDIO
    E’ la ricostruzione del bilancio sulle masse di ghiaccio che ricoprono la Groenlandia, nel periodo di tempo che va dal 1972 al 2018. Un’analisi dello stato dei ghiacciai e del loro andamento di fusione, relativo agli ultimi 46 anni.  Ciò che emerge è che la perdita delle masse di ghiaccio è stata sei volte superiore, negli ultimi 8 anni, rispetto a quanto  non avvenisse negli anni Ottanta. Lo scioglimento dei giacchiai dellla Groenlandia ha fatto innalzare così, dal 1972 a oggi, di 1,37 cm il livello del mare. Ma, per la metà, tale aumento del livello del mare si è determinato negli ultimi 8 anni.
    In modo particolare, nel 2012 la Groenlandia ha perso oltre 400 miliardi di tonnellate di ghiaccio, con una media annuale relativa agli ultimi 8 anni di 186 miliardi di tonnellate di ghiaccio in meno. Fino a venti anni fa, la media annuale di perdita di massa si attestava attorno ai  50 miliardi di tonnellate.

Cina, nuova leader green. Ospiterà la Giornata Mondiale dell’Ambiente

Microplastiche non solo in mare. Contaminate anche le Alpi

Michael Bevis, autore principale dello studio e professore alla Ohio State University aveva affermato: “Sapevamo dell’esistenza del problema della crescente perdita di ghiaccio relativamente ad alcuni grandi ghiacciai, ma ora siamo consapevoli di un altro grave problema: masse di ghiaccio sempre più grandi finiranno per sciogliersi finendo in mare come fossero dei fiumi.”

Antartide, scoperti enormi laghi sotto il ghiacciaio Totten

  • CAUSE dello SCIOGLIMENTO ACCELERATO
    Come documentato da “National Geographic“: a causare, secondo lo studio di Bevis, l’accelerazione della fusione del ghiacciai in Groenlandia, sare
    bbe certamente il riscaldamento globale, ma associato ad una fase negativa nella Oscillazione Nord Atlantica (NAO).
  • ..Fase negativa della NAO
    La NAO
    è una variazione irregolare naturale nella pressione atmosferica che porta estati caldi e soleggiate sul lato occidentale della Groenlandia quando è nella sua fase negativa. Prima del 2000 ciò non portava a scioglimenti significativi, spiega Bevis, ma dopo il 200 allora ogni fase negativa della NAO corrisponde ad un forte aumento nello scioglimento dei ghiacci.
  • …Riscaldamento climatico
    Jason Box,
      glaciologo della Geological Survey di Danimarca e Groenlandia afferma essere “chiaro che la maggior parte delle perdite di ghiaccio si registrano nel ghiaccio fisso (la banchisa ancorata a terra) piuttosto che dalle terminazioni marine dei ghiacciai”, poiché per far sciogliere la il ghiaccio fisso della Groenlandia è sufficiente una temperatura terrestre di 1°C e soleggiamento. “Una volta era raro avere temperature superiori allo zero, sui ghiacciai, ma ora non più”, dice Bevis. E ogni grado superiore a 1 °C raddoppia la quantità di ghiaccio che si scioglie. 
(Visited 112 times, 1 visits today)

Leggi anche

Call Now ButtonDiventa Green!