Breaking NewsRoma

Carcassa di tartaruga in spiaggia, aveva un foro sul collo

Condividi

Animali. Tartaruga caretta caretta ritrovata morta sulla spiaggia, a Fregene. Aveva un foro sul collo. Le iniziali ipotesi sulla morte dovuta alla crudeltà umana, sembrano smentite. Ora l’autopsia decreterà la verità sul decesso.

Un esemplare maschio di tartaruga  della specie ‘caretta caretta’ è stato trovato morto in spiaggia, tra Fregene e Focene, lo scorso 28 maggio. Aveva un buco sul collo, un foro quasi perfettamente simmetrico. La notizia è stata diffusa da “il Faro on line”, che ne ha riportato le immagini, insieme ai commenti dell’autore del ritrovamento.

Tartarughe marine, strage a Bari. Decapitate per superstizione. Wwf: “Questi killer vanno fermati”

“Spero di non ferire la sensibilità di qualcuno, ma trovo doveroso documentarlo, dato che il foro sul collo dell’animale non sembra naturale, bensì provocato intenzionalmente per uccidere la tartaruga. Ma spero di sbagliarmi. Sono state avvisate le autorità; mi è stato detto che avrebbero fatto la segnalazione ma essendo tardi ci sarebbero andati sicuramente domani (oggi, mercoledì 29 maggio, ndr.), ma con il mare grosso la tartaruga, anche se spostata di qualche metro sulla riva, potrebbe essere inghiottita dalle onde”.

Questa mattina “Fregene on line” riferendo sulle dichiarazioni di Tarta Lazio scrive che la carcassa della ‘caretta caretta’  non sarebbe morta a causa di un colpo letale come si era sospettato.

In realtà – spiegano da Tarta Lazio a cui sono state inviate le immagini – non c’erano segni particolari, reti, ami o ferite che potessero suggerire ipotesi di questo tipo. È molto probabile che quel buco sul collo sia stato provocato dal becco di un gabbiano o di una cornacchia quando l’animale era già morto”.

Tartaruga ritrovata morta, la plastica in mare uccide ancora FOTO

Sarà l’autopsia a stabilire le cause del decesso ma l’imputata principale resta la plastica presente nell’acqua, una calamità non certo naturale responsabile della strage, ormai quotidiana, in tutto il Mediterraneo.

Tartarughe Caretta caretta ingeriscono plastica. L’allarme continua lungo le nostre coste

(Visited 269 times, 2 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago