Tsunami di ghiaccio. Sulla riva del fiume Niagara, nella zona del lago Erie, in Ontario, si è abbattuto un vero e proprio tsunami di ghiaccio. Un fenomeno davvero insolito. Video e immagini.

I forti venti che soffiano in questi giorni in Canada hanno portato a un insolito spettacolo: enormi blocchi di ghiaccio sono apparsi lungo la riva proprio come se si trattasse di uno tsunami. È successo il 26 febbraio  in una località situata a poca distanza dalla città canadese di Buffalo, Fort Erie.  I filmati pubblicati online dalla polizia di Niagara Parks nell’Ontario hanno mostrato i cumuli di acqua ghiacciata del Lago Erie che venivano scaricati sulla strada.

Ghiacciaio dei Forni, ecco come sta scomparendo a causa dei cambiamenti climatici. Video

Le grosse lastre di ghiaccio provengono da una zona del lago Erie in cui è presente la cosiddetta “ice boom“, una barriera che blocca il ghiaccio per evitare che raggiunga il fiume Niagara , dove creerebbe problemi alle installazioni idroelettriche ma anche alle proprietà. Il forte vento ha però rotto la grande lastra di ghiaccio formatasi al largo e ha trascinato fino a riva grosse lastre. Un fenomeno senza conseguenze, ma davvero affascinante ed insolito per le nostre latitudini.

Copenaghen, il parco urbano che affronta i cambiamenti climatici

Il lago Erie è uno dei grandi laghi del Nord America: in questa regione, conosciuta come “dei Grandi Laghi” si trovano cinque enormi laghi di acqua dolce, relitto dell’ultima glaciazione. I laghi segnano anche il confine fra Stati Uniti e Canada. L’immissario del lago è il fiume Detroit, mentre l’emissario è il fiume Niagara, che sbocca poi nel lago Ontario. Prima di arrivare nel lago Ontario, il Niagara river regala lo splendido spettacolo della cascate omonime (recentemente ghiacciate), fra le più famose al mondo, lungo il noto “Niagara escarpment“.

Cambiamenti climatici, l’Australia combatte l’effetto serra con un miliardo di alberi

Articolo precedenteDissalatori, siglato il decalogo. Micillo (M5S): “Nella nostra azione di Governo centrale tutela ambiente marino”
Articolo successivoConsumo di suolo rallenta ma continua, 2 metri quadri persi ogni secondo