Inquinamento

Chernobyl, gli incendi hanno reso Kiev la città più inquinata al mondo VIDEO

Condividi

Il fumo degli incendi scoppiati vicino Chernobyl ha raggiunto Kiev, rendendola, seppur per poche ore, la città con la peggior qualità dell’aria al mondo.


Gli incendi che hanno colpito l’area della ormai defunta centrale nucleare di Chernobyl hanno avuto un impatto sulla qualità dell’aria di Kiev, che per due volte nelle ultime 24 ore è diventata la città con la “peggiore qualità dell’aria al mondo”, superando città come Shenyang, Hangzhou, Chongqing e Shangai.

Chernobyl, radiazioni in aumento nel sito nucleare a causa dell’incendio VIDEO

Secondo i dati del sistema di monitoraggio svizzero IQAir, l’indice di qualità dell’aria ha superato per ben due il livello di 380, che viene definito dal sito “pericoloso“. In seguito la qualità dell’aria è migliorata e Kiev è scesa al settimo posto nella classifica delle città con la peggior qualità dell’aria.

Una vodka “atomica”. Nasce il primo liquore fatto col grano di Chernobyl

Secondo il Ministero della salute ucraina non vi è pericolo di radiazioni: “Lo smog si è formato a Kiev e nella regione della capitale ma non contiene sostante chimiche o radiologiche. Il livello di radiazioni è nella norma”. Ai cittadini della capitale è stato chiesto di stare a case e chiudere le finestre, una misura che comunque molti stanno rispettando per via del coronavirus. “Il fumo può causare mal di testa, tosse, difficoltà respiratorie, irritazione degli occhi e infiammazioni, oltre ad un numero di malattie e allergie”.

Giappone, il dilemma del nucleare a nove anni da Fukushima  

La polizia ha spiegato che il grande incendio nei pressi della centrale era di origine dolosa. L’incendio era stato domato in settimana ma un nuovo rogo si è acceso giovedì sera, alimentato dal forte vento che ha spinto il fumo verso la capitale. Altri roghi sono scoppiati nella vicina regione di Zhytomyr, distruggendo case e provocando un incedente stradale con morti e feriti.

(Visited 148 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago