Attualità

Chernobyl, radiazioni in aumento nel sito nucleare a causa dell’incendio VIDEO

Condividi

Un incendio nei boschi di Chernobyl ha portato ad un aumento delle radiazioni, che hanno raggiunto un livello di sedici volte più alto del normale.

A più di 30 anni dal disastro nucleare, il sito di Chernobyl è abbastanza sicuro per essere visitato per poco tempo dagli essere umani. Tuttavia, un recente incendio ha portato ad un nuovo aumento delle radiazioni, che hanno raggiunto un livello di sedici volte più alto rispetto alla norma.

Giappone, gli animali ritornano a Fukushima nonostante il livello delle radiazioni

Le fiamme infatti rilasciano le radiazioni precedentemente contenute nel suolo, nelle foglie e negli alberi che si trovano nei 30 km della zona di Chernobyl. L’incendio sarebbe iniziato sabato 4 aprile vicino al villaggio di Volodymyrikva e si sarebbe diffuso per un’area di oltre 100 ettari. Inoltre, sembra che sia stato acceso volontariamente: la polizia ha detto di aver rintracciato una persona sospettata di aver accesso l’incendio dando fuoco ad un’erba secca nella zona. L’ uomo avrebbe spiegato di aver bruciato l’erba “per divertimento” ma di non essere riuscito poi a spengere le fiamme. Nella giornata di lunedì, i 100 pompieri intervenuti, con l’ausilio di aerei ed elicotteri, sono riusciti a domare due incendi minori mentre il più grande, diffuso per oltre 20 ettari, è ancora acceso. I dati raccolti nei pressi del centro dell’incendio hanno mostrato un livello di microsievert ora di 2.3, un aumento rispetto ai 0.14 abituali. Il livello massimo di sicurezza per l’uomo è 0,5 μSv / h.

Un viaggio nella Chernobil del presente: il racconto del fotografo Tom Skipp

Yegor Firsov, a capo delle ispezioni ecologiche in Ucraina, ha pubblicato un video sui social in cui mostra il livello delle radiazioni, sostenendo che comunque gli abitanti della capitale Kiev, a 100 km da Chernobyl, sono al sicuro e possono uscire di casa. Gli esperti hanno avvertito per anni dei pericoli degli incendi intorno al sito e le autorità hanno chiesto di rafforzare i controlli nell’area. Con o senza l’intervento umano, incendi del genere sono frequenti nella regione che circonda il sito nucleare; l’aumento delle temperature causato dai cambiamenti climatici sta rendendo secca la vegetazione mentre il tasso di decadimento è più basso forse a causa delle radiazioni che uccidono insetti e microbi.

Una vodka “atomica”. Nasce il primo liquore fatto col grano di Chernobyl

 

La vegetazione che sta crescendo nell’area non è colpita dalle radiazioni come gli animali, grazie anche ad una struttura biologica differente e in grado di adattarsi; le piante infatti possono rimpiazzare le cellule ei tessuti morti più in fretta degli animali.

(Visited 41 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago