Breaking News

Animali, il cervo-topo non è estinto. Ecco le immagini del suo avvistamento

Condividi

Un particolare cervo-topo a due tonalità che la scienza temeva fosse estinto è stato fotografato da due telecamere nella foresta vietnamita. Gli scienziati si stanno adoperando per capire come proteggerlo.

Le foto dell’animale, conosciuto come chevrotain dalla schiena d’argento, sono le prime ad essere scattate in natura da quasi trentanni dopo l’ultimo avvistamento.

Non avevamo idea di cosa aspettarci, quindi ero molto emozionato quando abbiamo controllato la nostra camera e visto le foto di uno chevrotain a strisce argentato. – ha raccontato An Nguyen, scienziato a capo del team di Global Wildlife ConservationScoprirlo è il primo passo per assicurarci di non perderlo nuovamente e ci stiamo muovendo in fretta per capire come proteggerlo”.

Biodiversità, allarme Onu: 1 milione di specie verso estinzione per colpa dell’uomo

Probabile preda di leopardi, cani randagi e pitoni, gli scienziati temevano che le trappole piazzate dai cacciatori avessero spinto la specie verso l’estinzione. Nonostante il nome non è né un cervo né un topo ma è l’animale con gli zoccoli più piccolo al mondo.

Nguyen e il suo team hanno iniziato la loro ricerca intervistando gli abitanti dei villaggi dell’area e le guardie forestali della provincia del Vietnam dove l’animale era stato visto l’ultima volta. Alcuni avevano riferito di aver visto lo chevrotain, suggerendo che la specie poteva non essere scomparsa.

Basandosi su queste informazioni, gli scienziati hanno installato tre telecamere nella foresta. In cinque mesi hanno scattato 275 foto dell’animale in 72 eventi diversi. I ricercatori hanno installato altre 29 telecamere e scattato 1,881 foto di 208 eventi diverse.

La scoperta, riportata su Nature Ecology and Evolution, ha aumentato le richieste per azioni immediate al fine di proteggere ciò che rimane della popolazione.

L’ippopotamo, il mammifero erbivoro a rischio estinzione

La prima priorità è ridurre la diffusione di trappole per catturare gli animali.  “Smettere di piazzare non solo protegge lo chevrotain ma anche numerose specie, inclusi mammiferi e uccelli che possono essere trovati solamente nella regione del Greater Annamites e sono a rischio estinzione”, ha detto Andrew Tilker, membro di GWC.

L’aye-aye, rischia l’estinzione a causa della deforestazione

La riscoperta dello chevrotain ha alimentato la speranza di ritrovare altre specie che la scienza considera estinte. “Un aspetto chiave per la sopravvivenza delle specie perdute in futuro potrebbe essere quello di lavorare con le comunità locali, come abbiamo fatto in questo progetto, per guidare gli sforzi sul terreno. L’aiuto delle loro conoscenze ecologiche è stato fondamentale per il nostro lavoro e questa strategia può determinare il successo per altre specie nel mondo”, ha spiegato Andrew Tilker.

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago