Attualità

Addio a Leila Janah, l’imprenditrice che ha lottato contro la povertà

Condividi

Leila Janah è morta all’età di 37 anni per complicazioni dovute ad un sarcoma. Le sue aziende hanno contribuito a portare lavoro nelle aree povere del mondo.

Leila Janah, l’imprenditrice che ha lavorato per aiutare coloro che vivevano in povertà, è morta a 37 anni per via di una complicazione dovuta ad un sarcoma epitelioide, una rara forma di cancro. In un post a novembre su Facebook Janah aveva descritto il suo stato d’animo durante la chemioterapia: “il sarcoma epitelioide è una bestia strana e rara. Mentre si diffonde nel mio corpo sto cercando di capire cosa possa insegnarmi. La mia più grande lezione è la soggezione: sono sbalordita dalla complessità della biologia umana e allo stesso modo dal potere quasi mistico delle connessioni umani”

Meno verdura, più hamburger a scuola: Trump cancella il menù salute voluto dagli Obama

Il sarcoma epitelioide è un raro cancro del tessuto molle che spesso colpisce i giovani adutli secondo la Food and Drug Administration. Questo sarcoma è responsabile per meno dell’1% dei sarcomi dei tessuti molli” ha spiegato il Dr. Richard Pazdur, direttore del FDA Oncology Center of Excellence. In un annuncio lo scorso mese l’agenzia ha annunciato di aver approvato il primo trattamento per questa specifica forma di cancro. In molti casi il cancro inizia nei tessuti molli alle estremità, di solito dita, mani e avanbracci. Solitamente nasce come una protuberanza piccola e indolore.

Essendo all’inizio un tumore benigno, secondo uno studio del 2009 del Journal of Clinical and Aesthetic Dermatology, passano mesi prima che i pazienti si rivolgano ai medici. “A causa del suo potenziale comportamento aggressivo, i medici devono essere a conoscenza di questo comportamento del sarcoma per evitare di sbagliare diagnosi. Noduli insoliti, in particolare sulle estremità dei giovani uomini, devono essere scrutinati attentamente in caso di sospetta malignità”.

Salute, l’esposizione all’aria inquinata aumenta il rischio di depressione

Nonostante il corso del tumore sia imprevedibile, secondo il report, è comune che si creino delle metastasi e il cancro riappaia dopo uno o due anni di trattamenti “Come accade per molti sarcomi del tessuto molle, i polmoni sono il sito principale delle metastasi. Il sarcoma secondo i dati crea delle metastasi anche nei linfonodi, nella pelle, nel cervello, nel fegato, nei polmoni e nel sistema muscoloscheletrico“. Secondo il Cincinnati Children’s Hospital Medical Center, nonostante non sia conosciuta la causa del cancro questa può essere legata ad anomalie genetiche. I trattamenti per questo sarcoma includono la rimozione chirurgica, la radioterapia e la chemioterapia.

Janah ha fondato tre organizzazioni tra cui Samasource, una compagnia con 3,000 dipendenti in Kenya, Uganda e India che crea i dati per le compagnie che hanno bisogno di testare le intelligenze artificiali sui loro prodotti come ad esempio le macchine a guida autonoma.

 

Salute, oggi si muore di più di cattiva alimentazione che di droga o fumo

Samasource ha definito Janah una campionessa della sostenibilità ambientale e nella lotta alla povertà: “Il suo impegno per creare un mondo migliore è ineguagliabile. Gli effetti del suo lavoro andranno avanti per generazioni”. Secondo il sito della compagnia Leila era una delle più grandi imprenditrici in Africa orientale e ha aiutato oltre 50,000 persone a risollevarsi dalla povertà. La giovane imprenditrice ha fondato anche LXMI, una compagnia di prodotti di bellezza per la pelle e Samaschool, una organizzazione no profit che forma le persone nel settore digitale. Leila lascia suo marito e la sua figlia adottiva.

(Visited 269 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago