Home Attualità Politica Ischia, il ministro dell’Ambiente: “Farei arrestare il sindaco”. L’ira di Salvini

Ischia, il ministro dell’Ambiente: “Farei arrestare il sindaco”. L’ira di Salvini

salvini contro pichetto fratin ischia

Battibecco a distanza tra il ministro dell’Ambiente Gilberto Pichetto Fratin e quello delle infrastrutture Matteo Salvini. Al centro delle scintille governative la questione dell’abusivismo e del condono a Ischia

Continuano le polemiche sulla tragedia di Ischia anche all’interno del governo. In particolare i ministri dell’Ambiente e delle Infrastrutture sono stati protagonisti di un battibecco a distanza.

Il primo, Gilberto Pichetto Fratin, parlando di quanto accaduto sull’isola campana, ha detto che bisogna confiscare gli edifici abusivi e valutare la demolizione di quelli pericolosi. E poi ha aggiunto: “Secondo me basterebbe mettere in galera il sindaco e tutti coloro che lasciano fare”.

Gli risponde a distanza, pur senza nominarlo, il ministro delle Infrastrutture e dei trasporti Matteo Salvini. “Qualcuno vorrebbe arrestare i sindaci“, dice dal palco di Lombardia 2030. “Io invece li voglio proteggere e liberare dalla burocrazia“.

Pichetto Fratin contro Salvini sul caso Ischia

A stretto giro arriva anche la risposta del ministro Gilberto Pichetto Fratin.  “È una riflessione di carattere generale e non fa riferimento ad alcun amministratore in modo particolare – ha detto il ministro dell’ambiente e della sicurezza energetica – tantomeno si riferisce al commissario prefettizio che sta guidando in modo inappuntabile Casamicciola da quando è stata indicata dal Governo“.

Ma il problema resta. E dunque, dicono dal Mise, secondo il ministro “una cosa è condonare piccole inosservanze, che spesso le costruzioni si portano dietro da decenni. Altro sono i grandi abusi, le costruzioni in totale assenza di piani regolatori, in sfregio al paesaggio e alla sicurezza ambientale, che spesso vengono innalzate in una notte”.

Intanto il governo deve fare i conti con l’approvazione – ormai più necessaria che mai – del Piano Nazionale di Adattamento ai Cambiamenti Climatici. Un testo che è nei cassetti del governo da più di cinque anni in attesa di approvazione e che prevede misure e schemi per adattare l’Italia agli eventi estremi causati dal clima che cambia.

 

Articolo precedenteEventi climatici estremi, la lezione di Ischia: sindaci e amministratori locali devono essere preparati
Articolo successivoEmma Marrone si mette a nudo in “Sbagliata – ascendente Leone”