Inquinamento

Clima, nel 2021 livelli record per le emissioni CO2: l’aumento più grande da 10 anni

Condividi

Le emissioni di anidride carbonica nell’atmosfera subiranno quest’anno il secondo maggiore aumento della storia secondo l’Agenzia internazionale dell’energia. Le principali economie globali pensano di stimolare la ripresa dalla recessione causata dal Covid-19 versando fiumi di denaro nei combustibili fossili.

Si prevede che l’aumento di emissioni di anidride carbonica quest’anno sarà il secondo più alto della storia, dopo quello di 10 anni fa seguito alla crisi finanziaria. Ad affermalo è l’AIE, l’Agenzia internazionale dell’energia.

Nella sua Global Energy Review, pubblicata oggi, l’AIE ha rilevato che le emissioni globali di carbonio derivanti dall’uso di energia, che rappresenta la grande maggioranza delle emissioni di gas serra, sarebbero aumentate di 1,5 miliardi di tonnellate nel 2021, dopo essere diminuite lo scorso anno. Ciò rappresenta un aumento del 5% a 33 miliardi di tonnellate di anidride carbonica per l’anno. Dopo oltre mezzo decennio di declino, si prevede che la domanda globale di carbone crescerà del 4,5%, avvicinandosi al suo massimo storico nel 2014.

Inquinamento, Valencia sarà la prima città a verificare le emissioni del turismo

Il motivo è legato al fatto che le economie globali stanno versando denaro nei combustibili fossili per favorire la ripresa dalla recessione causata dal Covid-19.

L’AIE è considerata il gold standard globale per i dati energetici e le sue proiezioni per il 2021 si basano su sondaggi completi provenienti da tutto il mondo, inclusi i dati delle fonti energetiche esistenti e dei nuovi impianti che dovrebbero entrare in funzione. I dati energetici della fine dello scorso anno hanno mostrato che i combustibili fossili superano i livelli del 2019 e l’impennata è continuata nella prima parte di quest’anno.

Parlando esclusivamente al Guardian, Fatih Birol, direttore esecutivo dell’AIE e una delle principali autorità mondiali in materia di energia e clima, ha dichiarato: “Questo è scioccante e molto inquietante. Da un lato, i governi oggi affermano che il cambiamento climatico è la loro priorità. Ma d’altra parte, stiamo assistendo al secondo aumento delle emissioni più grande nella storia. È davvero deludente”.

Inquinamento, il blocco del Canale di Suez ha causato un’impennata di emissioni nell’atmosfera

Gli scienziati hanno avvertito che le emissioni devono essere ridotte del 45% in questo decennio se il mondo vuole limitare il riscaldamento globale a 1,5 ° C (2,7 ° F). Ciò significa che gli anni ’20 devono essere il decennio in cui il mondo cambia rotta prima che il livello di carbonio nell’atmosfera aumenti troppo per evitare pericolosi livelli di riscaldamento. Ma la portata dell’attuale ripresa delle emissioni dalla crisi del Covid-19 significa che “il nostro punto di partenza non è sicuramente buono“, ha affermato Birol.

Birol ha paragonato l’attuale aumento delle emissioni alla crisi finanziaria, quando le emissioni sono aumentate di oltre il 6% nel 2010 dopo che i paesi hanno cercato di stimolare le loro economie attraverso l’energia a basso costo dei combustibili fossili. “Sembra che siamo di nuovo sulla buona strada per ripetere gli stessi errori”, ha ammonito. “Sono più deluso questa volta rispetto al 2010”.

Emissioni, monito Onu: urgente fare ricorso a tecnologia per cattura CO2

Le emissioni sono crollate di un record del 7% a livello globale lo scorso anno, a causa dei blocchi che hanno seguito l’epidemia di Covid-19. Ma alla fine dell’anno erano già in ripresa e in alcune aree sulla buona strada per superare i livelli del 2019.

Le proiezioni dell’AIE per il 2021 mostrano che le emissioni dovrebbero finire quest’anno ancora leggermente in calo rispetto ai livelli del 2019, ma il prossimo anno potrebbero esserci aumenti ancora più forti con il ritorno dei viaggi aerei, ha aggiunto Birol, che “contribuirebbe per oltre il 2% alle emissioni globali“, quasi assente lo scorso anno.

Birol ha invitato i governi a portare avanti con urgenza nuove politiche climatiche e cercare una ripresa verde dalla crisi del Covid-19. “L’anno scorso ho espresso la mia speranza che la ripresa economica da Covid-19 sarebbe stata verde e sostenibile. Ma questi numeri indicano che questa ripresa è attualmente tutt’altro che sostenibile”, ha detto.

Il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, sta convocando un vertice sul clima questa settimana, in occasione della Giornata della Terra, con la partecipazione dei leader di 40 paesi, nel quale esorterà i paesi a farsi avanti con forti impegni sul taglio delle emissioni in questo decennio. Birol ha affermato che questa è stata un’opportunità per i paesi di cambiare rotta e mettere in atto politiche per una ripresa verde.

Clima, cosa aspettarci dal vertice indetto da Biden nella Giornata della Terra

La Cina ha in programma di costruire decine di centrali elettriche a carbone, nonostante si sia impegnata lo scorso anno a raggiungere le emissioni nette zero entro il 2060. Il piano economico quinquennale del paese, stabilito da Pechino il mese scorso, conteneva pochi dettagli sulla riduzione delle emissioni prima del 2030. Tuttavia , dopo una visita a sorpresa a Shanghai dell’inviato statunitense per il clima, John Kerry, gli Stati Uniti e la Cina si sono impegnati a cooperare sulle emissioni di gas serra nel prossimo decennio.

Anche l’uso del carbone è in aumento negli Stati Uniti, invertendo il calo annuale dal 2013. Birol ha affermato che questo è stato il risultato degli alti prezzi del gas, che stanno determinando un passaggio dal gas al carbone per la generazione di elettricità. Donald Trump come presidente ha demolito i regolamenti messi in atto da Barack Obama per frenare l’uso del carbone da parte del potere

Nicholas Stern, un economista climatico e presidente dell’istituto di ricerca Grantham sui cambiamenti climatici presso la London School of Economics, ha affermato che i risultati dell’AIE “mostrano che i paesi devono davvero agire con maggiore urgenza per accelerare la transizione verso percorsi a zero emissioni di carbonio se lo siamo avere la possibilità di ridurre le emissioni in linea con l’accordo di Parigi. Si tratta di un’opportunità storica e cruciale per ricostruire diversamente dai modi inquinanti del passato e in particolare per allontanarsi molto più rapidamente dal carbone. Una ripresa forte e sostenibile verrà da meno carbone, non di più “.

(Visited 44 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago