Inquinamento

Inquinamento, Valencia sarà la prima città a verificare le emissioni del turismo

Condividi

Valencia in Spagna è la prima città del mondo a valutare e verificare le emissioni provenienti dal flusso turistico verso la città.

Sebbene negli ultimi tempi si sia parlato molto di questioni ambientali in molte città, Valencia è stata impegnata a far accadere le cose con una strategia pionieristica di turismo sostenibile. È la prima città al mondo a verificare le proprie emissioni di carbonio da attività legate al turismo, parte di un impegno a essere una destinazione a emissioni zero entro il 2025.

Turismo eco-sostenibile, arriva il progetto che riqualifica le zone abbandonate

L’azienda idrica valenciana Global Omnium, in collaborazione con la Fondazione Visit Valencia e il consiglio comunale, ha misurato le fonti e l’impatto ambientale delle emissioni di gas serra nel 2019 per quanto riguarda i viaggi a Valencia, i trasporti in città, gli alloggi, i ristoranti, lo shopping, il tempo libero attività, gestione delle acque, trattamento dei rifiuti e infrastrutture turistiche. Lo studio ha mostrato che l’81% dell’impronta di carbonio nel settore del turismo proveniva dai viaggi in città, in aereo, treno e navi da crociera.

 


Emiliano García, responsabile del turismo presso il Comune di Valencia, ha dichiarato: “Questa informazione significa che possiamo vedere cosa è necessario fare. Dobbiamo aumentare il nostro uso delle risorse naturali per generare energia rinnovabile ed espandere la rete di trasporto pubblico elettrico. Dovremmo anche utilizzare i nostri spazi verdi per aumentare l’assorbimento di CO2. Vogliamo fare di Valencia una delle città più sostenibili.”

Le condizioni geografiche della regione valenciana gli danno un po ‘di vantaggio quando si tratta di migliorare le sue credenziali ambientali. È piuttosto piatta per cominciare, il che è ovviamente un grande vantaggio quando si vuole incoraggiare l’uso di biciclette e veicoli elettrici. La città si classifica sempre bene nei sondaggi sulla qualità della vita, il che non sorprende se si considera che confina con il Mediterraneo, offrendo 20 km di spiagge, tutte con la bandiera blu, che sono facilmente accessibili con i mezzi pubblici o in bicicletta. Optate per quest’ultimo e potrete pedalare sul lungomare e fermarvi a pranzo sulla terrazza di uno dei ristoranti di paella.

Turismo, nel 2020 persi 53 mld di euro. Stimata perdita di 7,9 mld per i primi 3 mesi del 2021

Con le misure ambientali che Valencia ha già promosso, sembra che questo approccio pratico alla gestione delle risorse naturali abbia dato il buon esempio per creare un futuro più sostenibile per la città.

(Visited 43 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago