Inquinamento

Inquinamento, il blocco del Canale di Suez ha causato un’impennata di emissioni nell’atmosfera

Condividi

Durante il blocco di 6 giorni del Canale di Suez, causato dalla nave Ever Given, la zona ha visto un’impennata di inquinamento da anidride solforosa, talmente imponente da risultare visibile dallo spazio.

Quando la nave portacontainer Ever Given è rimasta incastrata nel Canale di Suez, ha costretto centinaia di altre navi a rimanere in attesa aspettando di passare.

Ciò ha contribuito a spingere la concentrazione di anidride solforosa (SO2) nell’aria a cinque volte i livelli normali sul lato mediterraneo del canale

Inquinamento, peggio le navi delle auto. MSC capolista nelle emissioni

L’SO2 è un sottoprodotto del tipo di oli combustibili pesanti bruciati dai motori delle navi. La presenza di oltre 350 navi in attesa della zona, a “motori accesi” ha causato un tale aumento dell’anidride solforosa da risultare visibile dallo spazio.

L’Organizzazione marittima internazionale (IMO) è attualmente impegnata a limitare le emissioni di gas a causa degli effetti deleteri che può avere sull’ambiente e sulla salute umana.

Quando le navi si muovono, quando stanno effettivamente navigando, emettono più anidride solforosa di quando sono solo in attesa. Ma è il fatto che abbiamo così tante navi raccolte insieme, tutte parcheggiate, che possiamo vedere questo segnale nei dati del satellite Sentinel-5P “, ha spiegato la dottoressa Maryam Pourshamsi, specialista di osservazione della Terra con Airbus Defence and Space.

Inquinamento, da oggi in Europa le navi dovranno pagare le loro emissioni

Il picco si è rapidamente dissipato quando l’Ever Given è stato liberato e il traffico ha ripreso a circolare attraverso il canale.

L’IMO ha introdotto l’anno scorso un nuovo regolamento che impone alle navi di utilizzare oli combustibili più puliti, con l’obiettivo di ridurre le emissioni annuali di zolfo di oltre il 70%. Ora devono essere compiuti sforzi per dimostrare la conformità del settore. I satelliti possono svolgere un ruolo in questo.

Verso la fine di questo decennio, è probabile che nel Mediterraneo stesso vengano implementate restrizioni ancora più severe sulle emissioni di zolfo.

 

(Visited 81 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago