Si riapre da oggi una seconda fase per richiedere il rimborso previsto dal “Programma sperimentale buono mobilità”, il cosiddetto bonus bici per gli acquisti (documentabili con fattura o scontrino) effettuati tra il 4 maggio 2020 e il 2 novembre 2020.

Coloro che tra il 4 maggio e il 2 novembre 2020 hanno comprato una bici o un monopattino o hanno usufruito dei servizi di mobilità condivisa a uso individuale, esclusi quelli mediante autovettura, e sono in possesso di fattura o scontrino possono richiedere il rimborso dalle ore 9 di oggi, giovedì 14 gennaio: si riaprono le domande online di rimborso.

Bonus bici, riaperta la piattaforma ma solo per i rimborsi

Come prevede il Programma sperimentale Buono mobilità del ministero dell’Ambiente, i rimborsi copriranno un massimo di 500 euro per il 60% della spesa sostenuta e saranno erogati dopo il 15 febbraio. Fino a quella data, infatti, sarà possibile accedere alla propria area riservata per apportare eventuali modifiche ai dati e alla documentazione inseriti.

Ecco pagina web dove è possibile registrarsi QUI.

Sono già 119 mila le persone che si sono pre-registrate nella finestra che si è chiusa il 9 dicembre per un valore stimato di circa 35 milioni di euro. Adesso tutti dovranno inserire sul sito buonomobilita.it i propri dati e le fatture o scontrini validi.

Articolo precedenteRoma, Fassina: “Servirebbe un’agenda condivisa da tutte le parti politiche”
Articolo successivoNO a OGM vecchi e nuovi! Il futuro dell’agricoltura è salvo? Ecco cosa accadrà