AttualitàMobilità

Bonus bici, riaperta la piattaforma ma solo per i rimborsi

Condividi

Bonus bici. Nuova opportunità per ottenere il Bonus Mobilità, la misura introdotta dal Ministero dell’Ambiente nel Decreto Rilancio, con l’obiettivo di incentivare la mobilità privata ecosostenibile.

Lo scorso 3 novembre, nello stesso giorno in cui è stata attivata la piattaforma per richiedere il bonus, sono terminati i primi 215 milioni stanziati per l’incentivo all’acquisto di biciclette e monopattini, anche elettrici.

EARTH, cittadini e scienziati “alla ricerca” delle resilienza. Torna la Notte Europea dei Ricercatori, Frascati Scienza

“La dotazione di 215 milioni – si legge nell’avviso che appare sul sito – è esaurita ma il ministero dell’Ambiente considera strategiche le politiche di incentivo alla mobilità sostenibile ed in particolare alla mobilità dolce che consente di soddisfare le
esigenze di mobilità in ambito urbano con minimi o nulli impatti ambientali. Per tali motivi il Ministero dell’Ambiente è impegnato nel reperire ulteriori risorse da appostare per l’annualità 2020 del Programma sperimentale buono mobilità”.

Alle 10 del mattino successivo a quello dell’avvio erano già quasi 600 mila gli utenti registrati, per un totale di 257.949 i buoni emessi, 300.776 rimborsi richiesti e 1.836 i buoni validati.

Lamazuna, soluzioni zero waste che fanno bene all’ambiente

Ma non è finita.

Il Ministero dell’Ambiente, in una nota, ha fatto sapere che la piattaforma è stata riaperta ma sarà valida solo per i rimborsi, ovvero per chi ha già acquistato una bici o un monopattino.

C’è tempo fino al 9 dicembre prossimo per registrarsi sulla piattaforma e caricare il documento di acquisto.

Le fatture devono essere state emesse dal 4 maggio al 2 novembre 2020.

Qui il link alla piattaforma: https://www.buonomobilita.it/mobilitaUtente2020/#/beneficiario/homePage/accessoBeneficiario

(Visited 23 times, 2 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago