Non esiste la certezza scientifica ma le autorità di Hong Kong non escludono che una donna sia stata contagiata a causa del contatto con criceti poi risultati positivi. Sarebbe il primo caso dimostrabile al mondo. 

Lo scetticismo della comunità scientifica è alto ma nessuno al momento può escludere (né confermare) che la donna di Hong Kong che lavora in un negozio di animali sia stata infettata dai criceti del suo negozio risultati positivi al Covid.

Le autorità cinesi avevano già deciso di abbattere migliaia di animali per evitare che – qualora l’infezione interspecifica fosse confermata – questo potesse ripetersi.

Ora però le attenzioni sono poste sui test scientifici che dovranno provare a dare una risposta certa a quello che per ora è solo un dubbio. Può un essere umano essere infettato con il Coronvirus da un animale? 

Roma, un robot gestirà la sala operatoria dell’ospedale Sant’Andrea

Secondo i medici di Hong Kong, la prova della trasmissione virale interspecifica sarebbe stata trovata dalle analisi genetiche.

“Il sequenziamento del genoma del virus trovato nella donna, una 23enne dipendente del negozio di animali di Causeway Bay, ha rilevato che il tipo di genoma era quello che circolava in Europa e Pakistan – ha dichiarato una fonte al quotidiano South China Morning Post -. C’è una possibilità di infezione attraverso criceti importati dai Paesi Bassi, che anch’essi avevano anche quel tipo di genoma. Ecco perché è molto probabile che la trasmissione questa volta sia dagli animali agli esseri umani”. 

Il Covid ci ha distratti dalla crisi ambientale, almeno sui social

Articolo precedenteTaranto, Comitato cittadino: “Rapporto dell’Oms costituisce notizia di reato”
Articolo successivoUn milione di firme raccolte contro il commercio delle pinne di squalo