EventiInquinamentoRifiutiRomaVideo

Tevere Day, 50mila persone per la giornata dedicata al fiume di Roma. Marevivo lancia una proposta legislativa

Condividi

Dalla canoa alla musica, dalle passeggiate archeologiche alle visite guidate: la terza edizione della giornata dedicata al Tevere ha visto la partecipazione di migliaia di persone a circa cento eventi. Nell’ambito della manifestazione è stata presentata dall’associazione Marevivo una proposta di legge per una gestione più sostenibile (e veloce) del Tevere.


Cinquanta mila persone per 70 km di sponde da Capena a Fiumicino. Sono i numeri del Tevere Day, la manifestazione che ieri ha portato intorno e dentro il fiume della città eterna tanti romani che del Biondo se ne sono riappropriati. Una festa intorno al fiume che, giunta alla sua terza edizione, ha avuto dal sole splendente e dal clima mite un assist straordinario.

“Con questa manifestazione – ha dichiarato Alberto Acciari, Presidente del Tevere Day — abbiamo avuto dimostrazione che la città ama il Tevere e vuole che venga riportato ad essere parte viva e integrante della vita di ciascuno. Mi piace sottolineare che sempre più gente condivide questa missione, #nnamoafiume”.

“Energia per la gente. Il futuro di un bene comune”, presentato nella sede di Marevivo il nuovo libro del prof. Livio De Santoli

Al Tevere Day attività per tutti i gusti

Sono state un centinaio le attività svolte nella giornata di ieri lungo il Tevere. Tanti all’insegna dello sport: in primis la 42a edizione della Discesa Internazionale del Tevere ma anche un duello di tiro alla fune, esibizioni di Pattinaggio Artistico, di Freestyle e la Corsa. Per gli amanti della cultura, invece, la novità è stata l’apertura dal fiume per la visita agli scavi del Parco archeologico di Ostia antica, a Capena. E poi: visita del sito archeologico Locus Feroniae, organizzata da CoopCulture e le visite alla Cripta Confraternita dei Sacconi Rossi, a cura volontari dell’Ospedale Fatebenefratelli. La Comunità Ebraica di Roma ha invece organizzato un tour guidato alla scoperta del suo archivio storico. E poi la musica con un concerto all’Arena Tevere Day.

Ma in una giornata dedicata al fiume di Roma non potevano mancare iniziative dedicate all’ambiente. Otto equipaggi in canoe canadesi si sono sfidati infatti in uno sport particolarissimo: la raccolta di rifiuti e plastiche nel fiume.

Inoltre per l’intera giornata un’imbarcazione della società anti-inquinamento Castalia, ormeggiata presso la sede nazionale di Marevivo, si è resa disponibile per recupero rifiuti plastici galleggianti sul fiume. Ne sono stati raccolti 50 kg.

Giglio, grazie a Marevivo rimossa dai fondali una rete fantasma da 500 metri

Una proposta di legge per la gestione sostenibile del Tevere

La terza edizione del Tevere Day che si è tenuta ieri è stata anche l’occasione per presentare alla cittadinanza una proposta legislativa che mira alla gestione sostenibile del Tevere.

La proposta normativa è stata presentata dall’associazione Marevivo e prevede di conferire all’Autorità di Bacino del Tevere – che gestisce il bacino idrografico del fiume in un territorio che comprende 369 comuni appartenenti a Abruzzo, Emilia-Romagna, Lazio, Marche, Toscana e Umbria – potere da Commissario straordinario per il risanamento e la gestione sostenibile.

L’obiettivo è dare all’Autorità la possibilità di intervenire immediatamente e fare da coordinamento sui 38 organi che hanno competenza per la gestione del fiume.

 

(Visited 54 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago