EventiRomaSaluteVideo

Padel e Salute, lo sport diventa il volano per la promozione della salute

Condividi

Si è concluso “Padel e Salute”, l’evento di prevenzione e sensibilizzazione dove lo sport diventa il volano per la promozione della salute. “Un’occasione per riavvicinare l’ospedale al paziente”, Stefano Arcieri, docente del Dipartimento di Scienze Chirurgiche e coordinatore evento.

La manifestazione “Padel e Salute”, coordinata da Stefano Arcieri, docente del Dipartimento di Scienze Chirurgiche, organizzata dall’Associazione “Capire per Prevenire”, è una campagna di sensibilizzazione che interpreta sanità e sport come connubio inscindibile nel promuovere corretti stili di vita e vede coinvolti i professionisti della medicina e chirurgia del Policlinico Umberto I da un lato e i professionisti del padel dall’altro.

Giocatori e amanti dello sport si sono confrontati in un torneo individuale sui campi di padel presso gli otto circoli sportivi che hanno aderito all’iniziativa e hanno giocato la finale il 17 ottobre presso il Circolo della Sapienza Tor di Quinto, via fornaci di Tor di Quinto 64.

Una settimana all’insegna dello Sport, della Prevenzione e della sensibilizzazione in favore della Salute del Cittadino, grazie al forte legame che la unisce all’Università di Roma “Sapienza” e all’Azienda Ospedaliero – Universitaria Policlinico Umberto I.

 

L’evento sportivo ha coinvolto 300 giocatori distribuiti nei punti cardinali della città in 8 circoli che hanno aderito alla manifestazione. – dichiara a TeleAmbiente il prof. Stefano Arcieri La settimana ha avuto più di 700 prenotazioni e hanno partecipato in prima persona tutti i medici del policlinico che si sono resi disponibili. L’obiettivo è quello di ridare alla gente la fiducia nelle strutture sanitarie, riavvicinare l’ospedale al paziente. Queste manifestazioni a porte aperte sono un mezzo utile per ricreare la dimensione di fiducia che l’utente deve avere”, conclude Arcieri.

 

(Visited 249 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago