CulturaEventiRomaVideo

“Energia per la gente. Il futuro di un bene comune”, presentato nella sede di Marevivo il nuovo libro del prof. Livio De Santoli

Condividi

“Energia per la gente. Il futuro di un bene comune” è il libro scritto dal professore dell’Università Sapienza di Roma, Livio de Santoli, presentato mercoledì 13 ottobre presso la sede di Marevivo.

L’iniziativa si colloca all’interno dell’impegno di Marevivo che dal 2008 porta avanti il progetto “Sole, Vento e Mare: energie rinnovabili nelle Isole minori e nelle Aree Marine Protette nella Transizione Ecologica”.

La presentazione di Energia per la gente. Il futuro di un bene comune (Castelvecchi, 2021), è stata una vera e propria lectio magistralis, si terrà nel monumento storico dello Scalo de Pinedo, Anfiteatro sul Tevere, alla presenza dei ragazzi delle principali Università romane, una preziosa occasione di confronto sulla necessità di proseguire nell’impegno a favore dell’ambiente e del mare.

Takeve, arriva il delivery al femminile: 15 rider in bici elettrica nei quartieri romani

Ad affiancare l’autore Rosalba Giugni, presidente di Marevivo, Giuseppe Ambrosio, direttore generale Mipaaf, Angelo Consoli, presidente Cetri-Tires e Angelo Lalli, Università Sapienza di Roma. A moderare l’incontro Laura Gentile, coordinatrice progetti Marevivo.

Con la competenza dell’esperto e la lingua del divulgatore, Livio de Santoli racconta le interazioni tra energia, economia, società e cultura, prendendo suggestioni dalla fantascienza come dallo sport, e soprattutto – quasi un “libro nel libro” – della musica progressive degli anni Settanta.

Regione Lazio, oltre 5 milioni di euro per la salvaguardia degli ecosistemi forestali

(Visited 26 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago