AttualitàMobilità

New York, stop alle auto a combustione: dal 2035 solo veicoli a zero emissioni

Condividi

Usa, nello stato di New York è in arrivo una legge che dal 2035 consentirà solo la vendita di veicoli a zero emissioni.

Lo stato di New York si unirà alla lista di altri stati americani che hanno già indicato una data per la fine della vendita di auto e altri veicoli a combustione interna. Il Parlamento statale ha già approvato un disegno di legge che ora finirà sulla scrivania del governatore democratico, Andrew Cuomo, prima della firma definitiva. Nel disegno di legge si parla di “veicoli a emissioni zero” e viene fissato il limite temporale del 2035.

I cambiamenti climatici sono costati alle imprese un calo dei ricavi di 133 miliardi di euro

Mentre i veicoli elettrici a batteria sono il tipo più popolare di veicolo a emissioni zero disponibile, altri mezzi di trasporto a emissioni zero (a celle a combustibile a idrogeno e simili) sarebbero comunque idonei ai sensi di questo disegno di legge. Il disegno di legge vieterà la vendita di autovetture e furgoni nuovi non a emissioni zero nello stato di New York, a partire dal 2035. Le auto vendute prima di quella data potranno ancora circolare dopo il 2035. Il disegno di legge specifica inoltre che tutti i veicoli medi e pesanti dovranno essere a emissioni zero entro il 2045. L’obiettivo del disegno di legge è “ridurre le emissioni di gas serra e l’inquinamento atmosferico dal settore dei trasporti”.

Ue raggiunge accordo sul clima. Taglio 55% emissioni entro il 2030 e neutralità nel 2050

(Visited 15 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago