AttualitàClima

I cambiamenti climatici sono costati alle imprese un calo dei ricavi di 133 miliardi di euro

Condividi

Il 2018, anno particolarmente caldo, è costato alle imprese 133 miliardi di euro di ricavi in meno, con il Nord Est ed il Centro più colpiti rispetto al resto del Paese.

È quanto ha calcolato l’Osservatorio Climate finance della School of Management del Politecnico di Milano che ha analizzato l’andamento di dieci anni (2009-2018) di 1.154.000 imprese.

Secondo i dati, ogni grado in più di temperatura ha provocato una riduzione media di fatturato del 5,8% e del 3,4% della redditività.

Il database dell’Osservatorio, basato sull’incrocio delle informazioni economico-finanziarie, ha permesso di calcolare “i danni reali, non ipotetici, dovuti all’aumento della temperatura di 1 grado centigrado in Italia”.

Clima, lo studio choc: “La crisi ha spostato l’asse terrestre”

Le piccole imprese sono quelle che più hanno perso in redditività (-4%, a fronte del -5,3% di fatturato), mentre le grandi realtà, potendo meglio agire sui costi e sui processi, nonostante una diminuzione di ricavi e di domanda pari quasi al triplo (-14,6%), hanno contenuto la perdita di marginalità a -3,6%.

“Un’alluvione – ha spiegato il direttore dell’Osservatorio Climate Finance, Roberto Bianchinipuò costare alle aziende del territorio colpito fino al 4% di fatturato e una perdita di valore degli attivi di bilancio di circa lo 0,9%, che sale all’1,9% nel caso di un incendio di vaste proporzioni”.

Nei dieci anni analizzati, i settori più penalizzati sono stati:

  • le costruzioni: fatturato a -16,2%, Ebitda a -6,8%
  • la finanza: -11,8% e -5,9%
  • le estrazioni: -10,4% e -7,6%

Agricoltura, turismo e trasporti sono i settori che hanno resistito meglio, mantenendo entrambi gli indicatori entro il -3%, seguiti dal settore manifatturiero (-5,2% di fatturato e -2,4% di Ebitda) e il retail (-4,5% e -3,1%).

Clima, l’appello di 101 premi Nobel: “Stop all’utilizzo di combustibili fossili”

Secondo lo studio, il decennio analizzato è costato di più alle aziende nel Centro Italia (-10,6% di fatturato e -8,5% di Ebitda) e nel Nord Est (-10% e -4,2%), dove però le imprese sono riuscite a conservare una maggiore marginalità.

Mentre il Nord Ovest ha visto una brusca perdita di redditività (-6,8%) ma non altrettanto di fatturato (-4,5%), il Sud e le Isole hanno risentito poco dei cambiamenti climatici (rispettivamente -1% e -2,3% di Ebitda; -4,3% e -3,1% di fatturato).
In cifre assolute, le perdite più consistenti di fatturato si sono registrate:

  • Lazio (quasi 27 miliardi di euro in meno),
  • Lombardia (-25,7),
  • Veneto (-24,7),
  • Emilia Romagna (-17,3)
  • Toscana (-13,5).
(Visited 14 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago