Rifiuti

REspoNSO, parte dalla Sicilia il progetto per la riduzione dei rifiuti in mare

Condividi

Il progetto REsPoNSo (RiduzionE Pesca faNtasma in Sicilia) inizia in Sicilia. Finanziato dal Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali attraverso il Fondo Europeo per gli Affari Marittimi e la Pesca (FEAMP 2014-2020 – Misura 1.40) è  iniziato nel mese di Marzo 2021 e durerà nove mesi.

Il progetto si compone di azioni e contenuti scientifici, d’interventi sul campo per il rispristino di aree marine d’importante valore naturalistico ed economico e di un profilo più specificatamente educativo e di sensibilizzazione.

La presentazione dell’iniziativa è fissata per il 30  aprile prossimo, alle ore 9.20, sulla piattaforma wildix: https://conference.wildix.com/conf/903dede911-5658738 e sulla pagina Facebook: https:://fb.me/e/1pxURPx8N 

Fiumicino, i pescatori a caccia di plastica da riciclare: l’annuncio di Zingaretti

L’intervento, guidato da Stazione Zoologica Anton DohrnIstituto Nazionale di Biologia Ecologia e Biotecnologie Marine – Sicilia, con il partenariato di WWF-ItaliaMarevivo Sicilia, CO.GE.COOPESCA di Portorosa, CO.GE.PA. di Licata e CO.GE.PA. di Lampedusa e Linosa, mira a fermare il degrado ambientale marino generato dall’abbandono o la dispersione in mare degli attrezzi da pesca, causa di un preoccupante degrado ambientale marino con forti ripercussioni sulla biodiversità e le risorse ittiche.

La scarsa biodegradabilità dei polimeri sintetici di cui sono composti gli attrezzi da pesca abbandonati o perduti prolunga la loro azione inquinante e l’attività di pesca fantasma indisturbata.

Ma insieme agli attrezzi da pesca abbandonati o dispersi, il progetto si occuperà anche del recupero del più generico Marine Litter, ossia tutta quella grande quantità di rifiuti di origine antropica dispersa in mare.
REsPoNSo si concentrerà sulle aree di Portorosa, Licata-Gela e Lampedusa-Linosa in quanto il recupero degli attrezzi da pesca abbandonati o dispersi sui fondali, insieme agli altri rifiuti, sta diventando un’azione urgente e necessaria.

Reti da pesca e cattura accidentale, un serio pericolo per la fauna marina

La ricchezza della biodiversità delle risorse ittiche e degli ecosistemi marini di queste località esige interventi e misure idonee a proteggere e ripristinare un’area strategica per il sistema economico.

Il prossimo otto aprile al via la  formazione dei pescatori delle tre aree coinvolte, azione indispensabile per diffondere  i problemi e le grandi emergenze del mare e del settore ittico.

Numerosi relatori provenienti dal mondo scientifico e dalla bioeconomia, esperti conoscitori della normativa di settore, ma anche documentaristi arricchiranno il programma formativo organizzato dai promotori dell’intervento per informare e coinvolgere i pescatori.

Oceani, la denuncia di Greenpeace: la pesca a strascico sta devastando l’Oceano Indiano

L’obiettivo è la loro sensibilizzazione che si unisce alle proposte di utilizzo di attrezzi da pesca realizzati con materiali più sostenibili, che possono essere avviati al riciclo dopo la loro dismissione e che possano aiutare la pesca a trasformarsi in un’ attività più equilibrata e meno impattante per il mare.

Oltre a realizzare un’azione rigenerante dell’habitat marino, l’intervento punterà a sostenere l’immagine di  un raggruppamento di operatori che mirerà a distinguersi per l’attenzione al mare e alla preservazione delle specie più a rischio, puntando infine, anche  a indirizzare  scelte di acquisto più consapevoli e  responsabili da parte dei consumatori.

(Visited 44 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago