Animali

Morto Cobby, lo scimpanzè in cattività più anziano al mondo: aveva 63 anni

Condividi

È morto Cobby, lo scimpanzè in cattività più anziano al mondo: aveva 63 anni. L’annuncio arriva dallo zoo di San Francisco, dove l’animale viveva.

È morto Cobby, lo scimpanzè in cattività più anziano al mondo. Aveva 63 anni e ad annunciarne la scomparsa è stato lo zoo di San Francisco, dove il primate viveva insieme ad altri sei esemplari. “Siamo addolorati nel dover dare questa notizia, Cobby era un’anima gentile che aveva portato una presenza rassicurante a tutti gli altri scimpanzè ed era una compagnia molto protettiva per Minnie e Maggie, con cui ha vissuto per 42 anni” – scrive lo zoo californiano su Twitter – “Era lo scimpanzè maschio più anziano di tutti gli zoo dell’America settentrionale ed è stato uno degli esemplari più amati da diverse generazioni di visitatori. In tutti questi anni, ha sempre amato fare riposini nei posti più disparati, ma anche arrampicarsi e saltare ovunque, interagendo sempre con gli addetti che si sono presi cura di lui“.

Covid, leonessa morta in uno zoo: altri otto felini contagiati. Bonelli e Brambilla: “Basta animali in cattività”

Sempre su Twitter, lo zoo di San Francisco ha ricordato così Cobby: “Negli ultimi anni, dopo il trasferimento in un altro luogo del parco, Cobby era sempre affascinato dalle enormi finestre che permettevano agli animali di ritrovarsi a tu per tu con i visitatori, e viceversa. Cobby era un anziano rispettato ed era stato in grado di integrare nel branco altri quattro scimpanzè adulti. La sua perdita sarà dura per tutti, a cominciare da Minnie e Maggie. Cobby era un simbolo della nostra famiglia, ha commosso così tante persone che conservano tanti ricordi di lui. Conoscerlo è stato un privilegio e ci mancherà tantissimo“.

(Visited 43 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago