Home Attualità Cultura La band Eugenio in via Di Gioia ha rivendicato la scritta comparsa...

La band Eugenio in via Di Gioia ha rivendicato la scritta comparsa in piazza a Torino

È “la dichiarazione d’amore di oltre 150 persone” alla Terra, hanno fatto sapere i rappresentanti del gruppo torinese

Mistero svelato: a organizzare la maxi scritta “Ti amo ancora” comparsa nella notte tra lunedì e martedì in piazza San Carlo a Torino è stata la band Eugenio in via Di Gioia.

Sono gli stessi membri della band a far sapere che quella che hanno definito una dichiarazione d’amore al Pianeta è opera loro e di oltre 150 persone che con un “blitz” notturno e armati di gessetti hanno creato la scritta.

“È la dichiarazione d’amore di oltre 150 persone che questa notte hanno condiviso 6 ore di partecipazione collettiva, di presidio artistico, di vita vera inuma delle piazze più belle di Torino per far esplodere il loro sentimento d’amore. Con gessetti da scuola elementare. Scotch di carta e un metro di sartoria” si legge in una nota.

“Una dichiarazione d’amore sincera – continua la band –. Una presa di coscienza proattiva verso una Terra che va curata. Verso un mondo economico, sociale e ambientale che va rivoluzionato”.

La band, poi, con un post sui social ha risposto alle polemiche nate il giorno dopo l’apparizione della scritta nella piazza torinese.

“Qualcuno ha urlato allo scandalo contro la città. Qualcuno non vedeva l’ora di puntare il dito contro i soliti vandali. Qualcuno ha ipotizzato che fosse un’operazione di marketing di un grosso marchio. Non è niente di tutto questo”, hanno scritto.

E poi:La pioggia, domani (oggi per chi legge, ndr), laverà la scritta in pochi minuti. L’aria irrespirabile della nostra città, il consumo disastroso del nostro pianeta, l’inconsistente progetto di futuro per le nuove generazioni resteranno lì, sotto gli occhi di tutti, come da sempre, invisibili. Tutto questo non è più possibile”.

Le fiabe di Cristina D’Avena per spiegare la natura (e il cambiamento climatico) ai più piccoli

Articolo precedenteGreenpeace e Mamme No Pfas: “Servono limiti zero nelle acque e negli scarichi industriali”
Articolo successivoIn Sicilia riemerge un antico isolotto da tempo coperto dall’acqua