Lo scheletro di un enorme ittiosauro – chiamato comunemente Drago di mare – è stato trovato nella Riserva Naturale di Rutland Water, a più di 50 chilometri dalla costa est della Gran Bretagna. 

Joe Davis, un funzionario della Riserva Naturale di Rutland Water, tutto si aspettava tranne di ritrovare nella sua riserva il fossile di un gigantesco animale marino vissuto milioni di anni fa.

“Quando ho visto quello scheletro e quel teschio – ha dichiarato Joe Davis alla BBC Newscredevo di aver trovato un dinosauro. Di sicuro non un animale marino”. In fondo la costa più vicina si trova a 50 chilometri.

Ma quello trovato all’inizio del 2021 da Mr Davis era un ittiosauro, un predatore marino a sangue caldo che respira aria e vissuto tra i 90 e i 250 milioni di anni fa. Un animale gigantesco che poteva crescere fino a 25 metri di lunghezza.

Lo straordinario ritrovamento sarà raccontato in un documentario in esclusiva sulla rete televisiva britannica BBC Two domani sera. Durante lo special sarà spiegato che circa 200 milioni di anni fa la conformazione delle terre e del mare era ben diversa, quindi non deve stupirci il ritrovamento dell’animale marino così lontano dalla costa.

Salute, Figliuolo: “In arrivo 40mila confezioni di pillola anti covid”

La scoperta del Drago di Mare a 50 chilometri dalla costa

Il gigantesco fossile è stato trovato soltanto nel 2021 perché fino a quel momento era coperto dall’acqua del bacino idrico di Rutland. Quando per effettuare lavori di manutenzione le acque del bacino sono state abbassate è avvenuta la scoperta. Poco dopo un team di paleontologi è intervenuto per scavare i resti.

Il dottor Dean Lomax, un paleontologo dell’Università di Manchester, è stato chiamato a guidare lo scavo. “Si tratta di una scoperta senza precedenti – ha dichiarato alla BBC – uno dei più grandi ritrovamenti della storia paleontologica britannica per dimensioni e completezza dello scheletro”.

Articolo precedenteSalute, Figliuolo: “In arrivo 40mila confezioni di pillola anti covid”
Articolo successivoSilver e Octopus, i robot italiani che salveranno i coralli dall’inquinamento