Silver e Octopus, i robot italiani che salveranno i coralli dall'inquinamento

Octopus è un robot a forma di polpo, Silver 2 e il suo cugino granchio. Entrambi sono stati progettati dall’italiana Cecilia Laschi e saranno utilizzati per ripiantare i coralli morti a causa dell’inquinamento del mare.

Silver 2 non è un granchio come altri. Perché sebbene abbia due occhi e sei zampe, ha un cuore totalmente meccanico. Si tratta del primo robot-granchio sviluppato dalla professoressa Cecilia Laschi, ex docente di Bioingengeria industriale all’Istituto di BioRobotica della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa e attuale dicente di biorobotica alla National University of Singapore.

Il granchio robot è il secondo robot-marino progettato dalla docente italiana. Prima di Silver 2, la professoressa Laschi aveva sviluppato Octopus, un robot-polpo attualmente utilizzato in ambito medico.

Intervistata dal quotidiano Il Messaggero, la professoressa Laschi ha spiegato: “Abbiamo studiato il modo di camminare sui fondali del granchio e sviluppato Silver 2, un robot-granchio con sei gambe molleggiate, in grado di muoversi su fondali accidentati e avvicinarsi ad oggetti”.  

Gran Bretagna, trovato il fossile di un enorme “Drago di Mare”

Silver e Octopus, i robot che salveranno i coralli

Silver 2, il robot progettato dalla ricercatrice e docente italiana, potrà essere utilizzato per raccogliere sabbia per analizzare le caratteristiche marine o raccogliere oggetti di plastica come le bottiglie dai fondali.  

Il prototipo del robot Silver. Foto: Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa

“Silver – ha spiegato Laschi – ha attirato grande interesse dal mondo della biologia interessato a studiare le biodiversità
ma anche l’inquinamento da microplastiche e dalle aziende petrolifere che vogliono conoscere il terreno prima di
costruire le piattaforme”.

L’utilizzo in tandem di Silver 2 per l’analisi del suolo marino e di Octopus per la parte più pratica servirà a dare nuova vita alle barriere coralline danneggiate dall’inquinamento. 

“Ci stiamo impegnando nella sostenibilità – spiega la docente – sia progettando materiali biodegradabili per non commettere lo stesso errore fatto con gli smartphone, che hanno portato ad accumuli di rifiuti elettronici, sia sviluppando un’applicazione marina del polpo, per ripiantare i coralli morti a causa dell’inquinamento. L’idea è di allevarli in laboratorio, per poi piantarli tramite i nostri robot che si degradano nell’acqua”.  

Salute, Figliuolo: “In arrivo 40mila confezioni di pillola anti covid”

Articolo precedenteGran Bretagna, trovato il fossile di un enorme “Drago di Mare”
Articolo successivoAstico, oltre 20 carcasse in putrefazione di pecore gettate nel fiume. È allarme