AttualitàEconomiaScienza e Tecnologia

Emissioni di gas serra, uno studio rivela: “Gli uomini impattano di più rispetto alle donne”

Condividi

Emissioni di gas serra, gli uomini impattano sull’ambiente più delle donne. La differenza è di circa il 16%, come dimostra uno studio svolto in Svezia.

Emissioni di gas serra, gli uomini impattano sull’ambiente più delle donne. La differenza è di circa il 16%, nonostante non vi sia un grande divario nella spesa media. Lo rivela uno studio svolto da alcuni ricercatori svedesi, che hanno analizzato l’impatto ambientale delle abitudini degli uomini e delle donne: dal cibo alle vacanze, passando per la mobilità e altri aspetti.

5G e innalzamento emissioni, Italia Viva ci riprova. Ma quali rischi corriamo?

I risultati dello studio, pubblicato sul Journal for Industrial Ecology, non dovrebbero sorprendere più di tanto. Secondo gli autori, a incidere su quella differenza percentuale tra l’impatto maschile e femminile ci sarebbero le scelte legate alla mobilità, specialmente quella con le automobili: gli uomini, tendenzialmente, utilizzano più motori diesel rispetto alle donne.

Disboscamento illegale per realizzare i mobili ikea, il legno proviene da foreste protette

La differenza di genere nell’impatto ambientale non può essere trascurata, specialmente quando si pensano ad azioni per tutelare l’ambiente” – ha spiegato la professoressa Annika Carlsson Kanyama, coordinatrice dello studio – “Tutto sta nelle abitudini: le donne tendono a spendere soldi per la casa, per i prodotti di bellezza e per i vestiti, mentre gli uomini tendono a spendere denaro per carburante, alcol, tabacco e ristoranti“.

FitFor55, la nuova strategia Ue per le foreste: previsti tre miliardi di nuovi alberi entro il 2030

Il discorso affrontato dallo studio riguarda ovviamente la sola Svezia, anche se in molti altri Paesi del mondo la situazione potrebbe essere simile. Gli uomini tendono a prediligere la mobilità privata, le donne i mezzi di trasporto pubblico. Quello che ha stupito i ricercatori è l’impatto delle vacanze, pari a circa 1/3 del totale. Annika Carlsson ha poi spiegato: “Tra le mosse che possiamo consigliare c’è quella di cambiare abitudini alimentari e stare più attenti in vacanza, sono scelte a costo zero rispetto all’acquisto di un’auto elettrica“.

Clima e Green Deal Ue, von der Leyen: “Chi inquina pagherà di più”. Gentiloni: “Carbon tax graduale”

Altri studi, in passato, hanno dimostrato che tra le scelte più impattanti a favore dell’ambiente ci sono quella di avere un figlio in meno, di non usare un’auto e di evitare il più possibile i viaggi in aereo. La differenza percentuale di genere nelle emissioni di gas serra può essere spiegata anche in un altro modo, come dimostrato da alcuni studi di un decennio fa: gli uomini consumano più energia e mangiano più carne rispetto alle donne, e questo influisce in maniera considerevole sui livelli delle emissioni.

Biodiversità, sulla tutela l’accordo Onu c’è ma rischia di essere un’occasione persa

I risultati dello studio trovano il favore di chi, nel recente passato, ha criticato il Green Deal europeo per non aver considerato, accanto alla tutela ambientale, le differenze di genere. Leonore Gewessler, ministra austriaca per il clima, ha infatti spiegato: “Oltre all’impatto umano, c’è una differenza di genere anche per quanto riguarda gli effetti dei cambiamenti climatici. La maggior parte delle persone colpite dalla povertà energetica, nel mondo, sono donne. Dobbiamo appianare quella differenza di genere anche dal punto di vista energetico e ambientale”.

(Visited 18 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago