AttualitàGood NewsPolitica

FitFor55, la nuova strategia Ue per le foreste: previsti tre miliardi di nuovi alberi entro il 2030

Condividi

C’è anche una nuova strategia per le foreste all’interno del pacchetto FitFor55, le 12 proposte legislative della Commissione Ue. Ecco cosa prevede.

Aumentare la quantità e la qualità delle foreste in tutto il territorio Ue, favorendone la protezione, il ripristino e la resilienza. È questo l’obiettivo principale della nuova strategia forestale contenuta nel pacchetto FitFor55, l’insieme di proposte legislative della Commissione europea per tutelare l’ambiente. Tra le misure promosse ci sono una gestione forestale più rispettosa del clima e della biodiversità, l’uso della biomassa legnosa entro i limiti della sostenibilità e del legno in linea con il principio a cascata. La nuova strategia prevede anche lo sviluppo di regimi di pagamento a proprietari e gestori di foreste per la fornitura di servizi ecosistemici alternativi, ad esempio mantenendo intatte parti delle foreste.

Clima e Green Deal Ue, von der Leyen: “Chi inquina pagherà di più”. Gentiloni: “Carbon tax graduale”

La nuova strategia per le foreste prevede anche di piantare tre miliardi di alberi in tutto il territorio Ue entro il 2030. L’obiettivo è quello di assorbire anidride carbonica e contribuire a raggiungere la neutralità climatica entro il 2050. La strategia mira ad aumentare la qualità, la quantità e la resilienza dei boschi, depositi naturali di anidride carbonica. Nelle proposte legislative della Commissione europea viene anche dichiarato l’obiettivo complessivo per l’Ue di catturare, tramite i ‘carbon sinks’ (depositi naturali di carbonio), 310 milioni di tonnellate di emissioni di anidride carbonica entro il 2030.

Previsti anche obiettivi nazionali per gli Stati membri, che dovranno espandere i loro depositi naturali di carbonio. Entro il 2035, l’Ue dovrà raggiungere la neutralità in termini di emissioni nell’uso del terreno, includendo anche le emissioni agricole diverse dalla CO2, come quelle prodotte dal bestiame e dai fertilizzanti.

(Visited 17 times, 1 visits today)

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Teleambiente.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi di teleambiente.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Stefano Zago